Sabotava l’acquedotto lasciando la cittadina “a secco”: denunciato pensionato. Era “il terrore” di Vizzini

Sabotava l’acquedotto lasciando la cittadina “a secco”: denunciato pensionato. Era “il terrore” di Vizzini

CATANIA – I carabinieri della Stazione di Vizzini sono riusciti ad identificare un 64enne pensionato di Taormina resosi responsabile, nei giorni scorsi, di danneggiamento e furto ai danni dell’acquedotto che assicura il servizio idrico alla cittadina.

L’uomo era diventato il terrore dei vizzinesi che, da giorni, restavano con il rubinetto a secco.



Le indagini condotte dai militari, anche attraverso la visione di vari sistemi di videosorveglianza, hanno consentito di bloccare la strana perversione dell’uomo che, in occasione di un controllo stradale a bordo della sua Fiat Panda, è stato anche trovato in possesso dai militari di due cartucce cal. 6,32, un machete, 2 asce, 12 frecce da balestra, un grosso coltello e vari attrezzi da lavoro.

Nei giorni scorsi infatti, i tecnici dell’acquedotto avevano constatato che ignoti avevano tranciato un tubo di adduzione dell’acqua e rubato 2 contatori nonché in un’altra occasione, dopo aver scardinato due porte in ferro, avevano danneggiato un quadro elettrico ed una centralina idraulica, con conseguente interruzione del primario servizio pubblico.


Il pensionato è stato così denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria.