Rifiuta di fornire le generalità, catanese “infuriato” sferra calci e pugni e tenta la fuga

Rifiuta di fornire le generalità, catanese “infuriato” sferra calci e pugni e tenta la fuga

CATANIA – Nella serata di ieri, durante l’attività di controllo del territorio, gli agenti delle Volanti hanno denunciato in stato di libertà T.C., responsabile dei reati di resistenza, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale, nonché per porto di armi od oggetti atti ad offendere.

L’uomo era stato notato mentre si aggirava tra le macchine del parcheggio di un supermercato ubicato in viale Ruggero di Lauria. Insospettiti dal suo atteggiamento, i poliziotti hanno posto a controllo l’individuo il quale ha immediatamente mostrato segni d’insofferenza e nervosismo, rifiutando di fornire ai poliziotti le sue generalità.


Nonostante i continui inviti degli agenti a mantenere la calma e collaborare, l’uomo ha continuato a tenere un comportamento minaccioso e ostile, fino a tentare di fuggire per sottrarsi al controllo. Percorse alcune decine di metri, però, il fuggitivo è stato raggiunto e bloccato dagli operatori, grazie anche all’ausilio di personale dell’Esercito Italiano impiegato nell’operazione “Strade Sicure” che era in transito e aveva sentito la nota diramata via radio.

A seguito della perquisizione personale, l’uomo è stato trovato in possesso di un coltello con una lama affilata della lunghezza di 6 cm e durante l’imbarco sulla Volante che lo avrebbe condotto in Questura per la stesura degli atti di rito, ha continuato a opporre una forte resistenza, sferrando calci, pugni e gomitate e continuando ad ingiuriare e minacciare gli operatori di polizia.


Anche una volta entrato all’interno della Volante, nel tragitto fino alla Questura, ha continuato a dimenarsi, tentando anche di autolesionarsi, sferrando testate contro i finestrini. Giunto in Questura, dopo gli adempimenti di rito, T.C. di 28 anni, è stato denunciato per i predetti reati.

Immagine di repertorio