Rapina alle Poste di Tremestieri Etneo: impronta sullo scontrino eliminacode. Arrestato 22enne - Newsicilia

Rapina alle Poste di Tremestieri Etneo: impronta sullo scontrino eliminacode. Arrestato 22enne

Rapina alle Poste di Tremestieri Etneo: impronta sullo scontrino eliminacode. Arrestato 22enne

CATANIA – I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Gravina di Catania, con i colleghi della compagnia di Catania Fontanarossa, hanno arrestato il 22enne catanese, Giosuè Di Prima, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale etneo, in ordine al reato di rapina aggravata in concorso.

Il giovane malvivente, aiutato da due complici (già assicurati alla giustizia), il 14 ottobre 2015 si introdusse all’interno dell’Ufficio Postale di Tremestieri Etneo in piazza Tivoli.

Minacciando con un taglierino gli impiegati alle casse e intimando loro di consegnargli il denaro, si impossessò di 576 euro.



Durante un sopralluogo, eseguito dagli investigatori dell’Arma dopo il fatto, si analizzarono le immagini registrate dal sistema di video sorveglianza attivo sia all’esterno che all’interno dell’ufficio postale, riuscendo a fissare le caratteristiche antropometriche di ognuno dei rapinatori.
Le forze dell’ordine, però, trovarono anche uno scontrino di prenotazione che, secondo le testimonianze rese da alcuni impiegati, era stato maneggiato da uno degli autori della rapina.
Circostanza avvalorata proprio dalle immagini analizzate che distintamente raffiguravano uno dei malviventi ritirare lo scontrino dal distributore eliminacode posto all’interno della sala principale dell’ufficio postale.
Il reperto è inviato agli esperti del reparto investigazioni scientifiche di Messina che, attraverso la comparazione dattiloscopica, sono riusciti a dare un’identità all’autore del reato, ovvero l’odierno indagato, così come confermato dai fotogrammi estrapolati dalle video riprese al momento dell’ingresso nell’ufficio postale e durante le fasi della rapina.
L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.