Porto abusivo di armi e detenzione illegale di munizionamento: due denunce nell'Ennese - Newsicilia

Porto abusivo di armi e detenzione illegale di munizionamento: due denunce nell’Ennese

Porto abusivo di armi e detenzione illegale di munizionamento: due denunce nell’Ennese

PIAZZA ARMERINA – Ieri la polizia di Piazza Armerina, nell’Ennese, hanno denunciato C. G., 48 anni, per porto abusivo di armi od oggetti atti a offendere e lo hanno sanzionato amministrativamente per la mancanza della copertura assicurativa.

Intorno alle ore 9,15 nel centro della città gli agenti hanno notato la presenza di una persona appiedata, che con fare sospetto si aggirava nei pressi dell’ufficio delle Poste Italiane. In considerazione del fatto che si trattava di un personaggio non noto ai poliziotti, quest’ultimi hanno deciso di procedere al controllo della persona.



Al momento dell’identificazione, a carico dello stesso, risultavano numerosi pregiudizi di Polizia per reati contro il patrimonio. Inoltre è stato appurato che era giunto a bordo di un’utilitaria, parcheggiata nelle vicinanze, che risultava priva della assicurazione obbligatoria.

Quindi, gli agenti procedevano alla perquisizione personale e del mezzo usato, ritrovando all’interno dell’auto un’accetta in ferro con manico in legno della lunghezza di 60 centimetri e un coltello con lama a punta della lunghezza complessiva di 26 centimetri.


Gli oggetti trovati e portati senza giustificato motivo al di fuori della propria abitazione sono stati sequestrati penalmente, e l’uomo veniva pertanto denunciato alla Procura della Repubblica al Tribunale di Enna per porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere. L’ auto invece è stata sottoposta a sequestro amministrativo per la mancanza della copertura assicurativa.

Inoltre, i carabinieri di Enna hanno svolto delle perquisizioni in due casolari, ritrovando all’interno 80 munizioni di vario calibro e tipologia, sia per fucile che per pistola. Alla perquisizione ha partecipato il proprietario del terreno, che, non riuscendo a giustificare la presenza di quelle munizioni all’interno della sua proprietà, è stato denunciato alla Procura della Repubblica al Tribunale di Enna, per il reato di detenzione illegale di munizionamento.

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.