Polizia passa al setaccio viale Grimaldi: droga nel condotto fognario, furti e invasione di edifici pubblici. Indagate 7 persone

Polizia passa al setaccio viale Grimaldi: droga nel condotto fognario, furti e invasione di edifici pubblici. Indagate 7 persone

CATANIA – Nella giornata di ieri gli agenti del commissariato Librino a Catania hanno eseguito un servizio straordinario di controllo del territorio nell’omonimo quartiere. A passare sotto la lente dei poliziotti l’ormai famigerato viale Grimaldi. Nel corso delle operazioni, sono state effettuate 6 perquisizioni locali alla ricerca di droga, per le quali è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco e delle unità cinofile dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico che hanno consentito di ritrovare un nascondiglio per la droga camuffato da condotto fognario.


Due uomini, D.G., 53 anni, ed R.P., 51 anni, sono stati indagati per il reato di furto di energia elettrica, in quanto, nei rispettivi immobili, si erano allacciati abusivamente alla rete Enel. Gli agenti, nel corso del controllo, hanno anche rilevato che una parte del portico di un condominio era stata chiusa da due saracinesche. Una volta avvicinatisi si sono accorti che in quel vano così ricavato era stata allestita un’attività lavorativa, nella quale B.O., 61 anni, esercitava il lavoro di fabbro in modo del tutto abusivo.


Per tale motivo, l’uomo è stato indagato per il reato di invasione di edifici pubblici. Per lo stesso reato sono state indagate R.N., di 44 anni, ed R.M., 40 anni, per essersi illegalmente appropriate di due immobili. Durante le operazioni di polizia una donna, B.L., 49 anni, si è opposta al controllo, offendendo i poliziotti e rifiutandosi ripetutamente di fornire le proprie generalità. Per tale motivo é stata indagata per i reati di oltraggio e di rifiuto di fornire le generalità a pubblico ufficiale.



Il pregiudicato M.S., 22 anni, è stato indagato per il reato di inosservanza di un provvedimento dellautorità per motivi di giustizia. Al giovane, già indagato per furto aggravato di motociclo, è stata ritirata la patente per 2 mesi in quanto sorpreso alla guida di un veicolo che non poteva guidare perché neopatentato. Nel corso del servizio è stata ritrovata e sequestrata una modica quantità di marijuana.