Polizia passa al setaccio Librino: sequestrato autolavaggio abusivo, un arresto per spaccio

Polizia passa al setaccio Librino: sequestrato autolavaggio abusivo, un arresto per spaccio

CATANIA – A seguito delle riunioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, in Prefettura e dei diversi tavoli tecnici tenutisi in Questura, nella serata di ieri ha avuto luogo l’ultimo un servizio di controllo del territorio dedicato al quartiere Librino, teatro della recente sparatoria che ha causato due morti e diversi feriti.


A scendere in campo, alle prime ore della sera, equipaggi del X Reparto Mobile, della Questura, del commissariato Librino, del Reparto Prevenzione crimine Sicilia Orientale, dei carabinieri, della Guardia di Finanza, collaborati dai Cinofili antidroga dell’UPGSP e dagli Artificieri.


A “cristallizzare” la regolarità delle operazioni, una Squadra Sopralluoghi della Polizia scientifica ha seguito e ripreso le varie fasi dei controlli.



L’intervento si è dispiegato con l’organizzazione di una serie di posti di controllo che hanno interessato i diversi “luoghi caldi” di passaggio di quanti si recano in quei luoghi per rifornirsi di droga, specie in questi giorni di festività ferragostane.

Nel complesso, sono state identificate e controllate oltre 150 persone e 80 veicoli. Decine sono state le infrazioni al Codice della Strada rilevate, con oltre 10mila euro di sanzioni comminate e decine sono stati i sequestri/fermi amministrativi di veicoli.

Ma l’attenzione dei poliziotti è stata rivolta al traffico di stupefacenti, i cui gestori – quei pusher che per l’occasione sono “magicamente spariti” – ne nascondono dosi e piccole quantità in deposito, pronte allo spaccio, nei luoghi più impensati. È stato così che, grazie al fiuto dei cani antidroga, sono stati rinvenuti, nel vano ascensore di uno stabile di viale Grimaldi, ben 55 dosi di marijuana (circa 100 grammi) e 38 di di cocaina per un peso di circa 11 grammi.

È stato scoperto, attraverso un controllo eseguito in un autolavaggio di cui è titolare un pluripregiudicato il quale, nonostante l’attività svolta, percepisce anche il reddito di cittadinanza. Il negozio commerciale, peraltro, era condotto in modo del tutto abusivo, anche all’evidente scopo di nascondere all’Inps il reddito derivante da detto lavoro.

Ma c’è di più: a fronte dell’articolata attività commerciale posta in essere, per la quale si avvaleva di un’attrezzatura imponente (fatta da diversi compressori, aspirapolvere ecc.), e della numerosa clientela presente, il pregiudicato scaricava le acque reflue, sporche di grassi e di oli esausti, direttamente nel sottosuolo tramite un canale creato ad arte che è stato accertato essere colmo di fanghi, con ciò determinando un danno ambientale, in una zona ad alta densità residenziale.

Le conseguenze di tutto ciò hanno portato al sequestro penale dell’immobile, realizzato abusivamente sulla via pubblica, e delle attrezzature da lavoro. L’uomo, un 40enne catanese, è stato altresì indagato in stato di libertà per vari reati tra cui lo scarico illegale delle acque reflue e invasione di terreni pubblici.

Un ulteriore controllo ha consentito di indagare in stato di libertà, per il reato di invasione di edifici pubblici, un altro pregiudicato di 36 anni perché aveva occupato un immobile del Comune di Catania.

Infine, si sono aperte le porte del carcere Piazza Lanza per il pregiudicato Paolo Pulvirenti, 37anni, arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e immediatamente posto agli arresti domiciliari.

Il Magistrato, infatti, ha disposto nei suoi confronti l’inasprimento della misura cautelare che lo ha condotto direttamente alla reclusione.