Picchiarono figlio neonato: genitori rischiano condanna per tentato omicidio

Picchiarono figlio neonato: genitori rischiano condanna per tentato omicidio

PALERMO – Un uomo e una donna rischiano una condanna rispettivamente a 8 anni e 4 anni e mezzo per tentato omicidio. I fatti risalgono al ferragosto del 2013 quando picchiarono il loro figlioletto all’epoca neonato.

Sul momento il piccolo venne curato dai medici dell’ospedale Di Cristina di Palermo che in seguito segnalarono la vicenda ai carabinieri. Dopo la denuncia i due dichiararono che le ferite alla testa il piccolo se le sarebbe procurate gattonando, ma questa versione non ha mai convinto gli inquirenti.

Adesso la coppia è finita sotto processo e le è stata già tolta la patria potestà. La difesa afferma che le lesioni che il bambino adesso porta sono dovute a una malattia genetica, mentre la procura sostiene invece che i genitori lo abbiamo addirittura pestato, afferrandolo per il collo, in quanto le radiografie mostrano delle fratture ormai ricomposte.

Ma non finisce qui perché emergono altri particolari. In un primo momento la madre del piccolo aveva puntato il dito contro il marito in quanto aveva sentito sempre piangere il bimbo quando era con il padre e per questo preferiva tenere la porta sempre aperta quando l’uomo lo cullava. Ma in sede di udienza la donna ha negato questa versione. 

 

Commenti