Pesca inusuale nelle acque di Catania, squalo di oltre 3 metri “sbarca” a Ognina – L’INTERVISTA

Pesca inusuale nelle acque di Catania, squalo di oltre 3 metri “sbarca” a Ognina – L’INTERVISTA

CATANIA – Pesca “spettacolare” e inusuale nelle scorse ore al largo del golfo di Catania.

La motopesca Trinacria della flotta peschereccia del porto del capoluogo etneo ha sbarcato nel borgo marinaro di Ognina (CT) uno squalo pescato durante una battuta di pesca.


Virali le foto che stanno facendo il giro del web in queste ore e che hanno suscitato reazioni diverse nei catanesi: tra chi ha “ammirato” il gesto dei pescatori che avrebbero “evitato qualche dramma” a chi, invece, li ha attaccati e “minacciati” di denunce e segnalazioni a Legambiente.

Per questo abbiamo deciso di intervistare telefonicamente uno dei componenti del peschereccio in questione, un giovane che si trovava a bordo della motopesca quando è accaduto il tutto: “Eravamo a pesca di pescispada ma, come spesso capita, il pesce che tiriamo con la lenza è vario; questa volta, davanti ai nostri occhi, al momento dell’issata, abbiamo visto uno squalo di oltre 3 metri di lunghezza e con un peso di 600 chili circa“.



I pescatori hanno subito segnalato la vicenda alle autorità competenti che hanno inviato nel porticciolo di Ognina un biologo che ha ispezionato l’animale. Proprio quest’ultimo verrà successivamente imbalsamato e condotto a Comiso (RG), dove verrà messo in esposizione al Museo Civico di Storia Naturale.

Non è la prima volta che nel borgo marinaro catanese arrivino degli squali: soltanto lo scorso anno una decina di squaletti vennero catturati a poca distanza dalla riva.