Pesca illegale, maxi sequestro di novellame tra Calabria e Sicilia: violazioni da 25mila euro

Pesca illegale, maxi sequestro di novellame tra Calabria e Sicilia: violazioni da 25mila euro

MESSINA – I Finanzieri della Sezione Operativa Navale di Milazzo, durante un controllo sul rispetto delle normative comunitarie e nazionali in materia di pesca e di tutela dei consumatori, hanno sequestrato 173 cassette di polistirolo contenenti ben 7 quintali di novellame di sarda, privi di qualsiasi documentazione idonea a certificarne l’origine , in  violazione della normativa sulla pesca relativa ai piani di ricostruzione di specie ittiche soggette a particolari tutele .

I controlli effettuati dalle Fiamme Gialle presso l’imbarcadero di Messina hanno consentito di scoprire 700 chili di novellame di pesce azzurro a bordo di un furgone frigorifero  proveniente dalla limitrofa Calabria , presumibilmente destinato al mercato palermitano.


Le violazioni contestate, per importi superiori ai 25mila euro, vanno dalla  commercializzazione e detenzione di pescato prodotto ittico privo di documentazione afferente la tracciabilità e l’etichettatura, all’inosservanza degli obblighi previsti dalle normative europee e nazionali in materia di trasporto, commercio e somministrazione di esemplari di specie ittiche di taglia inferiore alla taglia minima di riferimento.

Il novellame sequestrato, giudicato idoneo al consumo alimentare dopo la visita sanitaria, è stato interamente devoluto in beneficenza a locali associazioni caritatevoli.


Il contrasto alla pesca di frodo e tutela delle risorse ittiche costituisce un’importante linea d’azione tra le funzioni di polizia economico-finanziaria che la Guardia di Finanza svolge in modo continuo, sia per garantire la tutela degli operatori onesti che lavorano rispettando le regole della concorrenza che le leggi impongono, sia per salvaguardare la salute dei consumatori nonché il rispetto dei piani di ripopolamento delle risorse ittiche stabilite dalla comunità europea.