Paralizzato dopo intervento, famiglia chiede risarcimento: richiesta respinta, nessun nesso di casualità

Paralizzato dopo intervento, famiglia chiede risarcimento: richiesta respinta, nessun nesso di casualità

PALERMO – Dopo un delicato intervento chirurgico – avvenuto nel 2008 – per via di una malattia degenerativa ai muscoli, un giovane era rimasto paralizzato.

A tal proposito, i medici dell’ospedale Villa Sofia Cervello erano stati citati per risarcimento danni dato che si parlava di presunta malasanità.


I loro avvocati, però, hanno dimostrato che non vi sarebbe alcuna colpa nell’equipe medica che si è occupata dell’intervento, dato che tutto si sarebbe svolto previa informativa della famiglia e previo consenso informato del paziente sui probabili risvolti dovuti alla delicatezza di quanto si stava per effettuare.

Sulla stessa scia il consulente tecnico, che avrebbe affermato che la strategia operatoria adottata era idonea e che la complicanza verificatasi sarebbe del tutto indipendente dall’operato dei medici. Nessun nesso di causalità tra intervento e danni.