Palermo, scenario “infernale” per il capoluogo siciliano

Palermo, scenario “infernale” per il capoluogo siciliano

PALERMO – Centralini del 115 intasati e scenario “infernale”.


È quello che nelle ultime ore sta accadendo in varie zone del capoluogo siciliano che, a causa del forte vento di scirocco abbattutosi sulla provincia palermitana, che ne alimenta le fiamme, è colpito da numerosi incendi. Molteplici, dunque, gli interventi dei pompieri.


In borgata Villaciambra, comune di Monreale, diverse squadre dei vigili del fuoco sono state impegnate dalle fiamme che, in pochi istanti, hanno carbonizzato diversi ettari di sterpaglia e macchia mediterranea, avvicinandosi persino ad alcune abitazioni.


È stato invece necessario l’intervento dei Canadair per spegnere le alte fiamme divampate in via Valle del Fico, ad Altofonte. Altri incendi sono stati segnalati in via Luigi Einaudi, dove un capannone abbandonato è stato quasi distrutto dalla potenza dell’incendio, dentro l’ex ospedale psichiatrico in via La Loggia, a Villa Ciambra, a San Martino delle Scale e a Trappeto



Inoltre, l’Anas ha anche temporaneamente bloccato il traffico sulla A19 Palermo – Catania, all’altezza dello svincolo di via Giafar, direzione Palermo, a causa di un incendio sviluppatosi all’interno di uno spartitraffico.

Anche qui, oltre agli operatori della società autostradale, i Vigili del Fuoco sono stati chiamati in causa per spegnere il rogo, in modo da riattivare la normale circolazione del traffico.

Nel catanese, complici le sterpaglie, sono stati segnalati degli incendi nel quartiere librino a Catania.