Niko Pandetta di nuovo nei guai: condannato per droga il cantante neomelodico catanese

Niko Pandetta di nuovo nei guai: condannato per droga il cantante neomelodico catanese

CATANIA – È stato condannato a 6 anni e 8 mesi, con una multa di 30mila euro, il cantante neomelodico catanese Vincenzo, in arte Niko, Pandetta, conosciuto al grande pubblico grazie, non solo alle sue canzoni, ma anche per l’ormai famosa intervista per il programma TVRealiti, che fece scalpore.

Durante quel servizio, Niko ha parlato della sua famiglia (è nipote di Turi Cappello, capomafia ergastolano), del fatto che ora la sua vita sarebbe cambiata grazie alla musica e del suo passato da galeotto.



Un passato, però, che si sarebbe ripresentato. Pandetta, infatti, è stato condannato nell’ambito del processo di primo grado, con rito abbreviato, scaturito dalloperazione antidroga Double track. L’udienza si è svolta all’interno dell’aula bunker numero 3 di Bicocca.

L’accusa per il noto cantante è di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina e marijuana. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, questi fatti risalirebbero al periodo in cui Vincenzo era agli arresti domiciliari.


Pandetta sarebbe inoltre indagato, assieme al collega cantante Andrea Z (Filippo Zuccaro), per le minacce e le offese nei confronti dei cronisti del giornale online MeridioNews.

Assieme a lui sono stati condannati: Ciro Capasso a 7 anni e 30mila euro di multa; Mattea Barbera a 8 anni e 4 mesi di reclusione; Simone Guglielmino a 15 anni di reclusione; Francesco Troina a 12 anni e 4 mesi (pena comprensiva di altra sentenza irrevocabile); Filippo Beninato a 10 anni di relcusione; Giovanni Di Maggio a 9 anni di reclusione; Nunzio Davide Scrivano a 10 anni e 4 mesi di reclusione; Manuel D’Antoni a 10 anni; Gabriele Lo Pinto a 7 anni e 30mila euro di multa; Rocco Tutone a 7 anni e 30mila euro di multa; Pietro Luisi a 7 anni e 30mila euro di multa; Giuseppe Treccarichi Scauzzo a 8 anni di reclusione; Antonio Ivano Santangelo a 8 anni di reclusione; Angelo Ivan Lo Faro a 2 anni e 5mila euro di reclusione; Salvatore Ballato a 2 anni e 6mila euro di multa (pena sospesa); Fabio Spampinato a 8 anni; Gianluca Spampinato a 8 anni; Antonio Davide Florio a 8 anni e William Patanè a 8 anni.

Assolti dalle accuse, invece: Ramona Santa Boncaldo, Giuseppe Cacciola, Gregorio Cacciola (per il quale è stata disposta l’immediata scarcerazione), Domenico Christian Santonocito, Mario Finocchiaro, Francesco Maccarrone e Consolato Salvatore Coppola.

Fonte immagine: Canale Youtube Rai