Nastro magnetico e bandierine colorate per catturare uccelli: scoperto impianto di 150 metri sul fiume Oreto - Newsicilia

Nastro magnetico e bandierine colorate per catturare uccelli: scoperto impianto di 150 metri sul fiume Oreto

Nastro magnetico e bandierine colorate per catturare uccelli: scoperto impianto di 150 metri sul fiume Oreto

PALERMO – Sabato movimentato sul fiume Oreto a Palermo, appena sotto il ponte di Corso dei Mille, per ben 150 metri di impianto di uccellagione. A intervenire in un contesto ambientale molto difficile è stata l’Arma dei carabinieri, allertata dai volontari del CABS, l’associazione specializzata in anti-bracconaggio (con sede a Bonn e attiva in Italia, Malta, Francia, Germania, Spagna, Cipro e Libano).

Due uccellatori, a quanto sembra molto giovani, non hanno esitato ad allestire sotto gli occhi di tutti un impianto di cattura riconoscibile a grande distanza da bandierine colorate. Queste vengono comunemente usate dai bracconieri in Sicilia per attrarre gli uccelli verso i punti di cattura.



I militari hanno immediatamente raggiunto le sponde del fiume, superando il corso d’acqua e facendosi largo fra la densa vegetazione che, purtroppo, ha consentito la fuga dei due uomini. Sul posto, oltre alle bandierine, altri attrezzi del mestiere, tra cui decine di metri di nastro magnetico appena sistemato che assolve, con il suo luccichio, a una funzione simile a quella delle “bandiere”.

“Già l’anno scorso – afferma il CABS – era stato individuato dai nostri volontari un impianto proprio dove stavano nidificando uccelli, non a caso, tutelati dalla legge, come il Corriere Piccolo e il Forapaglie”.


Il fiume Oreto rimane, purtroppo, gravemente incustodito ed è di fatto alla mercé di diversi illeciti.

“Quando sul fiume sono arrivati i nostri volontari e i carabinieri – aggiunge il CABS – strani personaggi sono apparsi negli angoli principali dove era in corso l’intervento anti-bracconaggio. Non escludiamo che i due bracconieri siano stati avvisati”.

“Rivolgiamo un appello ai palermitani – ha concluso il CABS – affinché vi sia una pronta segnalazione delle inequivocabili ‘bandieruole’ per uccellagione, riconoscibili a grande distanza, e comunicarle alla seguente mail [email protected]”.

A Palermo, secondo i protezionisti, si sono fatti passi da gigante contro il bracconaggio grazie al costante intervento dei carabinieri Forestali. Rimane, però, incredibile il senso di impunità che ha contraddistinto i due uccellatori dell’Oreto.