Loading...

Morte Valentina Milluzzo e dei suoi due gemellini, chiesto rinvio a giudizio per sette medici del Cannizzaro

Morte Valentina Milluzzo e dei suoi due gemellini, chiesto rinvio a giudizio per sette medici del Cannizzaro

CATANIA – Ha lasciato molto stupore la morte di Valentina Milluzzo, 32enne deceduta lo scorso 16 ottobre 2016 per aver perso due gemelli con altrettanti aborti all’ospedale Cannizzaro di Catania.

Nella giornata di oggi, la Procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio di sette medici del reparto di ginecologia e ostetricia del nosocomio etneo: la signora Milluzzo aspettava i suoi due figli dopo la fecondazione assistita.



Si pensa, infatti, che si possa trattare di omicidio colposo plurimo, sebbene nell’inchiesta non è contestato che i medici siano obiettori di coscienza.

Nel dettaglio, sono imputati il primario del reparto, P.S., i medici del reparto S.C., G.M.A.C, A.C, A.B.D.S e V.F.. Nel primo caso, si tratta di “posizione di garanzia e con obblighi di controllo e vigilanza“, nel secondo di “servizio nel reparto e in sala parto, avvicendatisi i turni di guarda“. Nell’occhio del ciclone anche l’anestesista F.P.C., poiché “intervenuto in sala parto“.


Il Gup di turno, Giuseppina Montuori, ha fissato la prima udienza preliminare tra 12 giorni, ovvero il 17 luglio.