Morte Elvira Bruno, strangolata dopo aver rifiutato rapporto sessuale: cuoco condannato a 30 anni - Newsicilia

Morte Elvira Bruno, strangolata dopo aver rifiutato rapporto sessuale: cuoco condannato a 30 anni

Morte Elvira Bruno, strangolata dopo aver rifiutato rapporto sessuale: cuoco condannato a 30 anni

PALERMO – Arriva un risvolto nella vicenda che vede coinvolto il cuoco tunisino 54enne Naili Moncef, che il 17 aprile dello scorso anno uccise strangolandola in via Antonino Pecoraro, a Palermo, Elvira Bruno, 53 anni, “rea” di averlo lasciato. La donna morì nonostante i tentativi di difesa durante l’aggressione.

Adesso è arrivata la sentenza da parte del giudice per l’udienza preliminare Walter Turturici. Il tunisino è stato condannato a trentanni di reclusione per il reato di omicidio volontario aggravato da futili motivi.


Oltre alla scelta da parte della vittima di lasciarlo, ci sarebbe anche un rifiuto da parte della donna ad avere un rapporto sessuale.

Subito dopo l’omicidio l’uomo si è costituito davanti alle forze dellordine.