Minacce sul lavoro: dipendente costretto per anni ad accettare retribuzione inferiore a quella indicata nella busta paga - Newsicilia

Minacce sul lavoro: dipendente costretto per anni ad accettare retribuzione inferiore a quella indicata nella busta paga

Minacce sul lavoro: dipendente costretto per anni ad accettare retribuzione inferiore a quella indicata nella busta paga

ENNA – Vessazioni, minacce di licenziamento e intimidazioni da parte dei datori di lavoro: sarebbe stata questa la realtà vissuta per ben due anni da un lavoratore ennese.

A porre fine alla sua terribile situazione gli operatori della Guardia di Finanza di Nicosia, coordinati dalla procura della Repubblica di Enna.



Secondo quanto emerso dalle indagini delle Fiamme Gialle, che si sono avvalse anche delle dichiarazioni di numerosi testimoni, i due datori di lavoro accusati, fratelli e gestori di un’attività economica di Gagliano Castelferrato (nell’Ennese), avrebbero costretto il loro dipendente ad accettare una retribuzione inferiore rispetto a quella indicata nella busta paga. Nel corso di appena un biennio, gli autori del terribile gesto avrebbero estorto al malcapitato una somma complessiva di circa 10mila euro.

Inoltre, la vittima sarebbe stata costantemente oggetto di minacce di licenziamento. Per paura di perdere il lavoro, quindi, l’uomo non avrebbe denunciato il comportamento dei fratelli e avrebbe vissuto in un clima di terrore per due anni, prima che l’operazione dei finanzieri, in collaborazione con gli agenti della polizia di Stato del commissariato locale, ponessero fine al suo incubo.


Immagine di repertorio

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.