Minacce di morte all’assessore Razza, Fsi-Usae Sicilia: “Certi che continuerà a lavorare con forza e tenacia”

Minacce di morte all’assessore Razza, Fsi-Usae Sicilia: “Certi che continuerà a lavorare con forza e tenacia”

PALERMO –Allibiti e increduli apprendiamo la notizia delle minacce di morte rivolte con una lettera anonima all’assessore regionale della Salute Ruggero Razza“.


I componenti della segreteria regionale Fsi- Usae Sicilia Federazione Sindacati Indipendenti organizzazione costituente della confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, Calogero Coniglio, Pier Paolo di Marco, Salvatore Ballacchino, Salvatore Bracchitta, Renzo Spada, Maurizio Cirignotta e Salvatore Di Natale, esprimono la più profonda e sentita solidarietà all’assessore Razza per il grave atto intimidatorio subito e le gravissime minacce a lui indirizzate che vogliono creare un clima di tensione e di destabilizzazione nella regione.


Esprimiamo l’auspicio che le forze dell’ordine e la magistratura individuino quanto prima i responsabili di un atto di pura vigliaccheria, inqualificabile e inquietante, che aborriamo con sdegno“, commentano i componenti della segreteria regionale.


La violenza, le minacce non devono e non possono farci intimorire, il mondo del lavoro, coerente con la sua storia, non può restare in silenzio e non indignarsi contro metodi ed azioni che ha sempre rifiutato e combattuto. Siamo certi che l’Assessore, uomo di carisma e politico di spessore, non si lascerà intimorire da simili ricatti e che continuerà a lavorare con forza e tenacia. Il suo importante lavoro per migliorare la sanità siciliana non sarà fermato da forze destabilizzanti“. L’invito della Fsi-Usae è quello che l’assessore possa continuare con determinazione la sua attività amministrativa nella direzione che ha intrapreso: “Di fronte a queste violenze non possono esserci giustificazioni, solo una ferma condanna. È importante continuare a lavorare, soprattutto in sanità, nel segno della legalità per la difesa del bene comune”.



Immagine di repertorio