Minacce dal boss Graviano, Massimo Giletti sotto scorta: “Pesa il silenzio delle istituzioni”

Minacce dal boss Graviano, Massimo Giletti sotto scorta: “Pesa il silenzio delle istituzioni”

PALERMO – Non sono momenti di grande tranquillità per il noto conduttore italiano di “Non è l’Arena”. Massimo Giletti è sotto scorta.


Una decisione che si è resa necessaria dopo le minacce arrivate dal boss Filippo Graviano. Quest’ultimo sarebbe stato intercettato in carcere.


Graviano non avrebbe accettato il gesto di Giletti dello scorso 10 maggio, quando lesse in diretta i nomi dei carcerati che uscivano dalla cella per via delle misure sanitarie stabilite.


Minacce, pubblicate nel libro Lirio Abbate “U siccu”, di cui Giletti non era al corrente in un primo momento. Lo stesso, infatti, avrebbe scoperto tutto lo scorso mese dichiarando al Corriere: “Non mi pare esattamente normale che io non ne abbia saputo nulla. In questa storia pesa per l’ennesima volta il silenzio delle istituzioni competenti”.



Fonte foto: Facebook, Massimo Giletti