Migranti torturati in campo di prigionia libico: arrestati in Sicilia due presunti carcerieri

Migranti torturati in campo di prigionia libico: arrestati in Sicilia due presunti carcerieri

AGRIGENTO – La Squadra Mobile del capoluogo agrigentino ha arrestato due bengalesi di 35 e 31 anni accusati di associazione per delinquere, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, tratta di esseri umani, sequestro di persona e tortura.

Secondo gli inquirenti, i due avrebbero avuto un ruolo nel trattenimento illecito in un campo di prigionia libico di numerosi connazionali.


I due sono stati trasferiti in carcere. Le indagini verranno proseguite dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo.

I due bengalesi sono stati riconosciuti da alcuni connazionali che sarebbero stati tenuti prigionieri e torturati in un centro libico.


Vittime e presunti carcerieri erano sbarcati a Lampedusa il 28 maggio scorso. Per la liberazione dal centro di detenzione libico e per il viaggio verso la Sicilia, le vittime avrebbero dovuto pagare 5mila dollari americani.

Immagine di repertorio