Migranti, Razza interviene sull’ordinanza di Musumeci: “Negli hotspot si sono contagiati a vicenda”

Migranti, Razza interviene sull’ordinanza di Musumeci: “Negli hotspot si sono contagiati a vicenda”

CATANIA – È intervenuto durante la conferenza stampa indetta dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci anche l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza.


Il compito di Razza è stato quello di spiegare quali saranno le iniziative adottate dal governo con apposita circolare per consentire alle strutture di operare: “Nelle prossime ore bisogna attuare l’ordinanza. Questa mattina con un ulteriore provvedimento, 9 direzioni ASP hanno fatto visite di accertamento dei requisiti per la sanità dei luoghi di accoglienza di tutti i cittadini migranti”.


Spiega l’assessore: “In molti casi è capitato che proprio gli assembramenti dentro strutture facessero aumentare i positivi, a Pozzallo si è passati da 8 a 70 perché i soggetti sono stati tenuti troppo vicini. La stessa cosa è successa a Messina, Caltanissetta, Siracusa e altri luoghi. Le regole di distanziamento esistono e le strutture devono attuarle. C’è una task force che è già operativa per far rispettare queste direttive”.


Conclude Razza: “Il tema del rischio di contagio è anche legato al numero significativo dei soggetti che hanno lasciato le zone di quarantena. Si dice che molte delle fughe siano state fatte da soggetti negativi, ma l’ultimo accertamento del tampone va fatto il 14esimo giorno e quindi la negatività non è certa. Tutti i soggetti positivi vengono presi in carico dalla Regione perché vanno seguiti e bisogna vedere come evolve la situazione, prima che si aggravino. Il nostro compito resta quello di verificare che le prescrizioni vengano seguite al meglio”.



Fonte immagine: Facebook – Ruggero Razza