“La moglie è mia, ti ammazzo”: picchia il “rivale d’amore” in un bar

“La moglie è mia, ti ammazzo”: picchia il “rivale d’amore” in un bar

CALTAGIRONE – I carabinieri di Caltagirone hanno arrestato nella flagranza un 48enne del posto, già gravato da precedenti di polizia, poiché ritenuto responsabile di lesioni personali e atti persecutori.

Non aveva mai accettato la separazione legale dalla moglie, una donna di 42 anni, che lo aveva lasciato poiché vittima di continui atti oppressivi nei suoi confronti. Vederla, però, in un bar del centro insieme con un altro uomo gli ha fatto perdere il lume della ragione.

Prima ha apostrofato la ex con dei “soprannomi poco carini” per poi scagliarsi contro il “rivale”, un 38enne, anch’egli del luogo, colpito a schiaffi ed afferrato per il collo. L’arrivo immediato dei militari, avvertiti tramite una telefonata al 112 fatta da alcuni clienti dell’esercizio pubblico, ha consentito di arrestare l’uomo.

La vittima, accompagnata all’ospedale di Caltagirone, se l’è cavata con otto giorni di prognosi per un trauma distorsivo al rachide cervicale. L’arrestato invece, assolte le formalità di rito, è stato tradotto al carcere di Calatgirone a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Commenti