La lite, le botte, la follia omicida: Cristian avrebbe ucciso Alessandra per gelosia - Newsicilia -->

La lite, le botte, la follia omicida: Cristian avrebbe ucciso Alessandra per gelosia

La lite, le botte, la follia omicida: Cristian avrebbe ucciso Alessandra per gelosia

MESSINA – Sarebbe la gelosia il movente del delitto della giovane Alessandra Immacolata Musarra, 29 anni, fidanzata dallo scorso aprile con il 26enne Cristian Ioppolo, autore – secondo la sua stessa testimonianza – dell’omicidio della fidanzata.

L’avrebbe picchiata, a sangue, di continuo, fino a causarne il decesso. La vittima, infatti, sarebbe stata trovata con contusioni in diverse parti del corpo, soprattutto al volto. Diverse, inoltre, le macchie di sangue sparse nell’abitazione dove la giovane viveva.


Calci, pugni, ininterrottamente, per poi lasciarla priva di vita nel letto dove avevano appena trascorso la notte, una delle tante da quando i due avevano iniziato ad amarsi o, almeno, così sembrava.

Nella comunità di Santa Lucia sopra Contesse, c’è chi – a distanza di ore dalla terribile tragedia -, si chiede il perché di tanta violenza. Uno di questi è proprio il padre della 29enne, Luciano Musarra. Sarebbe stato proprio quest’ultimo a trovare il corpo della figlia privo di vita, dopo che Alessandra non rispondeva. I familiari, infatti, abitano nel piano sotto l’abitazione della giovane.

Il padre, preoccupato, avrebbe deciso di fare irruzione in casa di Alessandra da una delle finestre dell’appartamento: poco dopo, però, la macabra scoperta.

Allertati gli agenti e i sanitari del 118, sono subito scattate le indagini: i poliziotti hanno rintracciato il fidanzato che, pare, si fosse allontanato, ritrovandolo poco dopo e trasferendolo in Questura. È lì che il 26enne è rimasto nel mirino degli inquirenti per oltre 3 ore, prima di confessare quanto aveva commesso. “L’ho uccisa io”, avrebbe dichiarato.

Quello che all’inizio sembrava un caso tinto di giallo, adesso diventa più nitido: come dicevamo, appunto, Cristian avrebbe ucciso Alessandra perché geloso. Alla vigilia della festa della donna, che da diversi anni, ormai, si tinge di rosso, segno di violenza contro le donne e femminicidi, Alessandra si aggiunge alla lista delle vittime di amori malati.

Un salto al profilo Facebook della 29enne e tutto, pare, “chiaro”. I suoi post, infatti – nello specifico l’ultimo -, fanno riferimento alle donne vittime di violenze, al “lasciare alle spalle ciò che ci ha fatto soffrire”.

Chissà se Alessandra aveva pensato di lasciare Cristian, stanca, forse, dei continui soprusi dell’uomo che diceva di amarla ma che, in realtà, riteneva la 29enne come un oggetto di sua proprietà.

Fonte immagine Facebook