Il trionfo di Biagio Conte: Paul non sarà espulso, il Tar ha sospeso l’espulsione del nigeriano

Il trionfo di Biagio Conte: Paul non sarà espulso, il Tar ha sospeso l’espulsione del nigeriano

PALERMO – Paul non dovrà lasciare l’Italia. Il ghanese ospite della missione speranza e carità per il quale Biagio Conte digiuna da sedici giorni, può restare a Palermo, almeno per il momento.

Una notizia che ha portato un senso di sollievo e felicità nel cuore di tutti coloro che vogliono bene a Paul, che in questi anni, attraverso la sua bontà è riuscito a farsi amare. Dopo diverse settimane di attese, il Tar di Palermo ha accolto la sospensiva del provvedimento di rigetto della domanda di permesso di soggiorno dell’idraulico ghanese della missione speranza e carità di Palermo, annullando di fatto il decreto di espulsione dall’Italia.



Una volta arrivata la tanto attesa notizia, il frate ha finalmente interrotto il digiuno, sciolto le catene che portava ai piedi, ormai scarni e si è messo in cammino verso la sede di via Decollati della missione speranza e carità.

A tal proposito è intervenuto anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, chiedendo in tempi non sospetti di porre fine allo sciopero.


Domani pomeriggio, in via Archirafi 31, il frate incontrerà la stampa per comunicare come intendere proseguire la sua battaglia pacifica.