Il sindaco di Tremestieri Etneo come Cateno De Luca, vietata sperimentazione 5G: “Con la salute non si scherza”

Il sindaco di Tremestieri Etneo come Cateno De Luca, vietata sperimentazione 5G: “Con la salute non si scherza”

TREMESTIERI ETNEO – Il sindaco di Tremestieri Etneo (Catania) Santi Rando, vieta la sperimentazione o l’installazione di apparecchiature a tecnologia 5G su tutto il territorio comunale. Il primo cittadino, in tal senso, ha ordinato apposita ordinata lo scorso 21 aprile.

La decisione giunge dopo diverse interlocuzioni avute con il segretario nazionale del Codacons, Francesco Tanasi, il quale sta portando avanti da tempo questa battaglia.


Il Comune di Tremestieri informa che il Codacons ha presentato un esposto alle procure della Repubblica per aprire indagini relative a una possibile pericolosità del 5G, poiché “non esistono allo stato evidenze scientifiche che attestino l’assenza di rischio per la salute“.

In giornata il sindaco Rando e Tanasi hanno tenuto un incontro video nel corso del quale è stata ribadita la volontà di vietare la sperimentazione del 5G nella località catanese. “Con la salute non si scherza. Finché sussisterà anche il minimo dubbio che il 5G possa costituire un pericolo per le persone o per l’ambiente noi ne impediremo l’installazione sul territorio“, dichiara Rando.


Sposiamo convintamente la battaglia del Codacons e ringrazio Francesco Tanasi per l’impegno su questa delicata tematica a tutela di noi tutti“, conclude.

Ringraziamo il Sindaco Rando per essersi prontamente attivato a tutela della salute dei suoi cittadini. Lo sviluppo tecnologico è importante ma deve avvenire nel rispetto degli interessi fondamentali della popolazione e fino a che non ci saranno evidenze scientifiche certe che escludano rischi per i cittadini, riteniamo che non si debbano avviare sperimentazioni del 5G, al pari di quanto fatto da stati stranieri e città di tutto il mondo che hanno vietato la nuova tecnologia in attesa di certezze“, ha dichiarato Tanasi.