Il giallo di Gioele, la zia tenta il tutto per tutto: dalla veggente alle ricerche in solitaria nei boschi

Il giallo di Gioele, la zia tenta il tutto per tutto: dalla veggente alle ricerche in solitaria nei boschi

CARONIA – Sono passati ormai 11 giorni da quando Viviana Parisi, la dj di origini torinesi ma trapiantata a Messina e il figlio Gioele di soli 4 anni si sono allontanati da casa per sparire nel nulla.


Da allora un velo di mistero è calato sulla vicenda, diventata ancora più oscura e inspiegabile dopo il ritrovamento del corpo della donna.


L’autopsia, le ipotesi, l’analisi delle telecamere di videosorveglianza, le indagini dal 3 agosto sono proseguite senza alcuna sosta, tra la disperazione dei familiari ignari delle sorti del bambino.


Questa mattina, la zia del bambino Mariella Mondello (sorella del padre), disperata dall’assenza di notizie, avrebbe raggiunto il campo base delle ricerche per provare a perlustrare la zona circostante e tentare il tutto e per tutto.



Ma questa non sarebbe l’unica iniziativa assunta dalla zia, che nelle scorse ore avrebbe contattato una sensitiva che avrebbe fornito alcune informazioni. Secondo il parere della donna interpellata, il corpo del bambino si troverebbe poco distante da dove è stato trovato il corpo della madre.

Immagine di repertorio