I club Rotaract della zona Aetna partecipano alla Consulta Comunale di Gravina

I club Rotaract della zona Aetna partecipano alla Consulta Comunale di Gravina

GRAVINA DI CATANIA – Lunedì 16 settembre si è ufficialmente insediata la consulta dell’ambiente e per la qualità della vita del Comune di Gravina di Catania. Tra i componenti presenti anche per la prima volta nella loro storia tre club Rotaract della Zona Aetna e precisamente Catania, Catania est e Catania nord. La presentazione è avvenuta con i tre delegati all’interno della consulta Alessandro Moschetti (Rotaract Catania), Claudio Torre (Rotaract Catania est) e Giorgia Mammano (Rotaract Catania nord).

“È stato per me un onore – ha affermato Alessandro Moschetti – poter rappresentare il mio club all’interno di una Consulta e ringrazio di questo il Past President Fabrizio Fronterrè per la possibilità offertami. I nostri club principalmente si occupano di servizio per la collettività e non fanno politica ecco perché abbiamo deciso di aderire alla Consulta con la tematica che potesse servire al meglio la comunità”.



Afferma Claudio Torre attuale presidente dell’associazione Rotaract Catania est: “Quello di oggi credo sia stato il primo passo fatto dai club service per collaborare e partecipare appieno con l’amministrazione. Sintomo che vi è un minimo comune denominatore che sta alla base ed è stata la molla che ha spinto i club a partecipare a tale organo: il servizio. Infatti ritengo che sia alla base della politica che dell’associazionismo vi è questa componente comune. Il mio ringraziamento è rivolto al Past President Ruggero Fichera che mi ha dato la possibilità di rappresentare il club. Un altro doveroso ringraziamento lo rivolgo all’amico e consigliere comunale Paolo Kory e all’amministrazione comunale nella persona del sindaco Massimiliano Giammusso per aver permesso il nostro inserimento all’interno dell’organo”.

Conclude Giorgia Mammano, neo eletta nel direttivo della Consulta dell’ambiente e delegata per l’associazione Rotaract Catania Nord: “Sono contenta per aver potuto rappresentare uno dei club storici della zona Aetna. La notizia positiva è che tre club con una storia lunga alle spalle non hanno mai preso parte ad un’attività del genere. Tutto ciò denota la forte volontà che ha la società civile di partecipare da protagonista alla vita della collettività. I tre club storici della Zona Aetna hanno infatti rispettivamente 50 anni, 24 anni e 30 anni e finora mai era stata avviata una simile iniziativa. Volevo ringraziare Paolo Kory Past President dell’associazione per la delega concessami. Adesso non ci rimane che far lavorare al meglio la Consulta e cercare di dare una mano alla causa ambientale”.