Hostess con febbre all’aeroporto di Catania: attivato biocontenimento

Hostess con febbre all’aeroporto di Catania: attivato biocontenimento

CATANIA – La SAC (Società Aeroporto Catania) comunica che ieri pomeriggio l’USMAF (Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera del Ministero della Salute) ha attivato la procedura di biocontenimento per una hostess del volo Ryanair, FR 05517, proveniente da Milano Malpensa delle 17,50.


La procedura è scattata su richiesta da parte del comandante in seguito al manifestarsi di forte mal di testa e febbre. La donna, dopo l’intervento sotto bordo dell’unità di primo soccorso gestita dalla Ontario Srl, è stata trasportata dai medici USMAF all’interno della sala arrivi extra Schengen dell’aeroporto di Catania, uno dei tre aeroporti sanitari del Paese, dove è stata sottoposta a controlli ulteriori. Successivamente, è stata portata dalla Croce Rossa su mezzo in alto biocontenimento del Ministero della Salute all’ospedale Garibaldi centro per altri accertamenti.


L’assistente di volo è stata sottoposta a test sierologico, risultato negativo ed è ricoverata in osservazione, in attesa dell’esito del tampone, che dovrebbe arrivare oggi in mattinata.


SAC ha immediatamente avviato la sanificazione delle aree all’interno delle quali è transitata la donna. Anche l’aeromobile è stato sanificato. Contestualmente, sono state attivate precauzionalmente le procedure di identificazione dei passeggeri del volo per il successivo contact tracing, in caso l’assistente di volo risultasse positiva al Covid-19.



Immagine di repertorio