Gela, nuovi positivi nelle ultime 24 ore e norme anti-contagio in vista del Ferragosto – DETTAGLI

Gela, nuovi positivi nelle ultime 24 ore e norme anti-contagio in vista del Ferragosto – DETTAGLI

GELA –  Nelle ultime 24 ore due pazienti di Gela positivi al Covid-19: è quanto comunicato nelle scorse ore dall‘Asp di Caltanissetta in un comunicato.


Secondo le prime indiscrezioni, il primo sarebbe rientrato da Malta il 10 agosto scorso. Il secondo, invece, sarebbe stato diagnosticato a Catania, dove è domiciliato per lavoro, e successivamente sarebbe rientrato a Gela per l’isolamento domiciliare previsto dalla normativa in vigore per l’emergenza sanitaria.


Normative in vista del Ferragosto

Sul sito del Comune di Gela è disponibile una nota ufficiale con le normative anti-contagio in vista del Ferragosto.



“Con il Ferragosto alle porte e i numeri del contagio in aumento in tutta la Sicilia e anche a Gela, dove sono stati accertati nelle ultime ore due nuovi positivi di rientro da Malta, mi corre l’obbligo di inasprire le regole anti-contagio sul territorio comunale, attingendo anche alle nuove direttive del presidente della Regione, Nello Musumeci, e emanando un’apposita ordinanza contingibile e urgente”.

Ad affermarlo è il sindaco Lucio Greco.


È nuovamente obbligatorio l’uso di mascherine sia al chiuso che all’aperto, sia in luoghi pubblici che privati, comprese le spiagge, qualora non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale. Possibili multe per i trasgressori.

Le spiagge del litorale gelese rimarranno aperte la notte di Ferragosto, ma con dei divieti, validi per tutto il resto della stagione: “Sono vietati gli assembramenti, le accensioni di falò, accampamenti e/o attendamenti e le serate danzanti nei luoghi al chiuso”. Alcune di queste norme erano già in vigore, ma sono state ulteriormente ribadite a causa del dilagare dell’emergenza sanitaria.

“Queste sono le regole, per il rispetto delle quali si adopereranno le forze dell’ordine, la polizia municipale e la Guardia Costiera, il resto spero lo faccia il buon senso di ognuno di noi nel cercare di evitare situazioni di pericolo per la propria salute e quella degli altri”, conclude il primo cittadino di Gela.

Immagine di repertorio