Fuochi d'artificio non previsti nella licenza per la festa di San Sebastiano: indagato co-titolare di una ditta - Newsicilia

Fuochi d’artificio non previsti nella licenza per la festa di San Sebastiano: indagato co-titolare di una ditta

Fuochi d’artificio non previsti nella licenza per la festa di San Sebastiano: indagato co-titolare di una ditta

ACIREALE – Il questore di Catania Mario Della Cioppa ha incrementato i controlli sull’osservanza delle norme di sicurezza e delle prescrizioni di legge, in special modo nel delicato ambito dell’utilizzo del materiale esplodente, in occasione di festività locali.

I diversi gravi incidenti che hanno interessato questo settore produttivo, l’ultima tragedia lo scorso mese di novembre nel Messinese ha provocato 5 vittime, impone una particolare attenzione nei confronti di quanti detengono e/o maneggiano materiali esplodenti che possono esporre a gravi rischi anche coloro che si trovano nelle vicinanze dei luoghi di sparo.

Controlli sempre più serrati sono stati condotti dalla Polizia di Stato, in tutte quelle occasioni, quali le feste patronali, il cui svolgimento è spesso caratterizzato da spettacoli pirotecnici che esigono l’adozione di particolari attenzioni e di misure di sicurezza a tutela della pubblica incolumità; a garanzia di tutto, apposite licenze rilasciate dall’autorità di Pubblica Sicurezza, titoli che attestano il possesso della capacità tecnica e la conoscenza delle norme necessarie per l’espletamento di tale attività.

Così, nella giornata dello scorso 20 gennaio, agenti del Nucleo Artificieri dell’UPGSP, in servizio di ordine pubblico ad Acireale, in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono San Sebastiano, hanno controllato il co-titolare di una ditta incaricata dell’accensione di fuochi pirotecnici. L’uomo è risultato in possesso di una tipolodia di fuochi artificiali che non erano previsti nella licenza e, pertanto, è stato indagato in stato di libertà per il reato di fabbricazione o commercio abusivi di materie esplodenti. Sono stati sequestrati 1.632 prodotti professionali, suddivisi in: 816 prodotti appartenenti alla Categoria CE F4 per un totale lordo di 120,190 chili e 816 prodotti appartenenti alla Categoria CE P1 per un totale lordo di 7,616 chili. A causa dell’insita pericolosità, per tutto il materiale in sequestro è stata richiesta la distruzione.


L’attività di accertamento e di vigilanza proseguirà col continuo monitoraggio in occasione di tutte le manifestazioni pubbliche che si terranno nella zona di Catania e della provincia etnea, effettuato a cura degli specialisti della Squadra Artificieri e dagli agenti della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com