Fuga e scontri con la polizia. “Guerriglia urbana” al centro d’accoglienza: migranti in sommossa

Fuga e scontri con la polizia. “Guerriglia urbana” al centro d’accoglienza: migranti in sommossa

AGRIGENTO –Scene da guerriglia urbana“, è questo il commento di un deputato del Movimento 5 Stelle, Giovanni Di Caro, in merito all’incresciosa situazione che si è verificata nella nottata di ieri all’interno del centro d’accoglienza del viale Cannatello, all’interno del Villaggio Mosè, ad Agrigento. Intorno alle ore 22, un gruppo di migranti si sarebbe scontrato con la polizia posta all’esterno della struttura per poi darsi alla fuga.


I profughi erano stati messi all’interno del centro per la quarantena obbligatoria dopo lo sbarco in Sicilia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i poliziotti in tenuta antisommossa, i quali, oltre a bloccare alcuni migranti, hanno trascorso una notte a effettuare ricerche su ricerche nelle campagne circostanti il centro d’accoglienza.


Il tutto nel mezzo di un vero e proprio clima di tensione, soprattutto per i residenti della zona.



Ci vogliono strutture e luoghi idonei. Il centro di accoglienza per quarantena di Viale Cannatello va chiuso“, la denuncia di Di Caro.

Immagine di repertorio