Ex capo della Dia querela Giarrusso per diffamazione: “Accusato di aver ostacolato cattura di Bernardo Provenzano”

Ex capo della Dia querela Giarrusso per diffamazione: “Accusato di aver ostacolato cattura di Bernardo Provenzano”

CATANIA – Il questore Agostino Pappalardo, ex capo della Direzione investigativa antimafia, ha presentato alla Procura di Catania una querela per diffamazione aggravata nei confronti del senatore Mario Giarrusso, ex Movimento 5 stelle, ora gruppo Misto.


La querela, presentata dall’avvocato Goffredo D’Antona, pone al centro della disputa quanto affermato dal senatore durante un intervento, il 21 luglio scorso, davanti alla Commissione nazionale antimafia, di cui fa parte.


Nell’esposto si legge che Giarrusso ha affermato che, secondo la sentenza sulla trattativa Stato mafia della Corte di Assise del Tribunale di Palermo del 20 aprile 2018, sarebbe Agostino Pappalardo il dirigente della Dia che avrebbe ostacolato la cattura di Bernardo Provenzano.


Come spiegato nella querela, così sembrerebbe che il questore sarebbe stato imputato e condannato nel processo quando in realtà sarebbe tutto falso.



Il senatore Giarrusso, poi, si legge nell’esposto, nel corso dell’intervento ha citato 3 persone che avrebbero testimoniato quanto da lui affermato: i poliziotti Arena e Ravidà e il pubblico ministero Nicolò Marino. L’avvocato però precisa che i tre teste parlarono sì della mancata cattura, ma non attribuirono mai alcun ruolo all’ex capo della Dia Pappalardo.

Infine, nella querela si precisa che Giarrusso è un senatore della Repubblica e un avvocato e quanto affermato è lesivo dell’onorabilità del questore Pappalardo.

Immagine di repertorio