Emergenza sanitaria, aumentano i casi nel Catanese: i sindaci invitano alla massima attenzione

Emergenza sanitaria, aumentano i casi nel Catanese: i sindaci invitano alla massima attenzione

VIAGRANDE – L’avvicinarsi della fine delle vacanze estive e il conseguente rientro dalle ferie fa alzare l’attenzione nella provincia di Catania e, anche nei comuni dove durante il lockdown si sono verificati pochi casi, i sindaci invitano a fare attenzione.


Cari amici ho appena letto l’ultimo aggiornamento relativo ai soggetti positivi. Era evidente che in questo periodo caratterizzato dalle vacanze e da un conseguente allentamento delle misure di sicurezza, anche il nostro paese venisse coinvolto in questa nuova ondata di contagi“, scrive il sindaco di Viagrande, Francesco Leonardi.


Non mi sento di procurare allarme, ma quello che andiamo ad affrontare nei prossimi giorni deve essere un comportamento di massima responsabilità e coscienzaafferma il primo cittadino del paese etneo -. Non possiamo permetterci una nuova chiusura e quando dico questo non parlo solo delle attività commerciali, ma anche alla riapertura delle nostre scuole per i nostri figli.


Il rischio, che deve essere in tutti modi scongiurato, è quello di una nuova chiusura e ad avere la peggio non sarebbero solo le attività commerciali, già duramente colpite nella prima fase, ma anche gli studenti e il loro rientro a scuola: “Il nuovo picco di contagi (in tutto il mondo) sta mettendo a dura prova l’organizzazione per la riapertura in sicurezza delle scuole“.



È comprensibile quindi dover tornare indietro nel tempo e riprendere l’uso della mascherina in tutti gli ambienti chiusi e dove non è possibile mantenere la distanza sociale. Noi torneremo con le informazioni e con l’aiuto dei carabinieri e dei vigili urbani nonché dei volontari che ringrazio anticipatamente, faremo in modo di vigilare sugli assembramenti”, l’utilizzo della mascherina e il distanziamento sociale restano le armi vincenti per prevenire un’ulteriore diffusione del virus.

Come comunità ci siamo distinti nella prima fase e sono certo che lo saremo anche adesso. Non diamo nulla per scontato” conclude Leonardi.

Immagine di repertorio