Disoccupato ai domiciliari beccato in via Capo Passero, nell’abitazione oltre 14mila euro: arrestato

Disoccupato ai domiciliari beccato in via Capo Passero, nell’abitazione oltre 14mila euro: arrestato

CATANIA – I carabinieri del Nucleo Radiomobile del comando provinciale di Catania hanno arrestato il 49enne Filippo Gennaro (nella foto in basso) perché responsabile di evasione, nonché denunciato il medesimo per spaccio di sostanze stupefacenti.



Nel corso di un servizio perlustrativo in San Giovanni Galermo, nella purtroppo nota piazza di spaccio di via Capo Passero, i militari hanno notato tre uomini intenti a parlare ed uno di essi in particolare, che stava armeggiando qualcosa in mano, ha gridato agli altri due di scappare immediatamente non appena notata la presenza dei militari.


Questi ultimi hanno concentrato la loro attenzione su uno dei tre avendone seguito la direzione di fuga e, quindi, hanno ripetutamente bussato alla porta dell’abitazione del civico 115 nella quale l’uomo ha trovato rifugio.



Successivamente l’uomo, dopo un considerevole lasso di tempo trascorso (verosimilmente utilizzato per disfarsi di probabili quantitativi di droga), ha aperto la porta ai militari che lo hanno riconosciuto immediatamente anche, perché, il Gennaro era sottoposto agli arresti domiciliari.

La perquisizione domiciliare effettuata dai carabinieri, ovviamente, non ha portato al rinvenimento di sostanze stupefacenti, bensì di tutto il materiale utilizzato dagli spacciatori “professionisti” infatti, una radio ricetrasmittente pronta all’uso – solitamente utilizzata tra pusher e vedette di controllo – si trovava sul tavolo della cucina, un bilancino di precisione ma incredibilmente, suddivisa in varie mazzette occultate in ogni angolo della casa, la cospicua somma di 14.560 euro, nonché di altri 300 euro nelle tasche dei suoi pantaloni, denaro della cui provenienza, manco a dirlo, non ha saputo fornire alcuna spiegazione.

L’arrestato, in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria, è stato ricollocato agli arresti domiciliari.