Discarica abusiva in una cava di tufo, notevole quantità di rifiuti pericolosi: denunciato 53enne - Newsicilia

Discarica abusiva in una cava di tufo, notevole quantità di rifiuti pericolosi: denunciato 53enne

Discarica abusiva in una cava di tufo, notevole quantità di rifiuti pericolosi: denunciato 53enne

CAMPOBELLO DI MAZARA – Nella giornata del 18 febbraio 2020, i carabinieri della Stazione di Campobello di Mazara e del Centro Anticrimine Natura di Palermo – Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale e Nucleo CITES di Trapani,  nell’ambito di uno specifico servizio finalizzato al contrasto del degrado urbano e ambientale, hanno denunciato in stato di libertà per attività di gestione di rifiuti non autorizzata, G.V., campobellese, 53 anni, già gravato da precedenti di polizia. 

I militari hanno scoperto che l’uomo aveva realizzato una discarica abusiva in una cava di tufo dismessa ricadente su un appezzamento di terreno, di circa un ettaro, di proprietà del denunciato, in assenza delle previste autorizzazioni.


Infatti, all’interno della cava era stata depositata una notevole quantità (circa 3000 metri cubi di volume) di rifiuti di varia tipologia, speciali e urbani, pericolosi e non, prevalentemente composta da elettrodomestici fuori uso, fusti contenenti residui di prodotti petroliferi, pneumatici, sfabbricidi, parti di demolizione di auto, imballaggi e serbatoi in pvc.

Tutti i rifiuti risultavano abbandonati sul fondo naturale del terreno non impermeabilizzato e, quindi, senza alcuna precauzione per evitare eventuali dispersioni di sostanze inquinanti nell’ambiente circostante.  

Alla luce di quanto rinvenuto, dato l’evidente stato di abbandono e di miscelazione con cui erano accatastati rifiuti di vario genere, senz’altro classificabili quali rifiuti speciali pericolosi, i carabinieri hanno provveduto, oltre che a denunciare l’utilizzatore del fondo, a porre sotto sequestro preventivo il fondo stesso e tutti i materiali rinvenuti. 

Tale importante risultato operativo dei carabinieri della linea territoriale e dei carabinieri Forestali, costituisce un ulteriore affondo al contrasto dei reati in ambito ambientale, che si aggiunge ai precedenti successi, già riscossi nel recente passato nello specifico ambito, al fine di tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini.