Dipendenti Rap positivi, riunione urgente tra Orlando e il Presidente Norata: ecco cosa è stato deciso

Dipendenti Rap positivi, riunione urgente tra Orlando e il Presidente Norata: ecco cosa è stato deciso

PALERMO – A seguito dell’accertamento della positività di alcuni dipendenti della Rap, il sindaco, Leoluca Orlando, d’accordo con il Presidente dell’Azienda, Giuseppe Norata, ha convocato con urgenza una videoconferenza, svoltasi ieri sera e alla quale hanno partecipato il vicesindaco, Fabio Giambrone, l’assessore Sergio Marino, che detiene la delega ai rapporti funzionali con RAP, i componenti del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda e il Direttore Generale della stessa, Roberto Li Causi.


Obiettivi della riunione: l’acquisizione di notizie sullo stato di salute dei dipendenti e sulle iniziative assunte in relazione all’applicazione dei protocolli in materia, sulla organizzazione aziendale per fronteggiare il rischio di estensione dei contagi. Infine, concordare le azioni da assumere nelle prossime ore, sia con riferimento ai profili igienico sanitari, sia con riferimento al regolare svolgimento dei servizi di istituto.


Norata ha comunicato che, attualmente, i soggetti positivi sono stati posti in quarantena domiciliare. Nessuno dei soggetti positivi risulta ospedalizzato. Gli stessi soggetti sono continuamente monitorati con il coinvolgimento dei medici aziendali, dell’ASP e dei rispettivi medici di base in applicazione dei protocolli in materia.


Sono stati tempestivamente avviati gli accertamenti diagnostici nei confronti dei colleghi entrati in contatto con i dipendenti positivi con le modalità più celeri possibili, ma è intendimento procedere con gli accertamenti per tutti i dipendenti anche grazie alla Convenzioni con l’Ospedale Buccheri la Ferla, un laboratorio privato e alla disponibilità rassegnata dalla stessa ASP.



Il sindaco ha invitato la RAP a prevedere – dove necessario – il ricorso anche a strutture private in modo da sfruttare le giornate di sabato e domenica, rassegnando formale direttiva in tal senso.

In ogni caso, Norata ha sottolineato che tutti i dipendenti non operativi sono stati posti ad horas in regime di smart working e lo rimarranno sino all’accertamento degli esiti diagnostici e l’effettuazione delle previste attività, peraltro già avviate, di sanificazione dei locali destinati ad uso uffici, degli spazi aperti, compresi gli autoparchi e tutti i mezzi in dotazione.

Le iniziative sono state assunte in costante raccordo con l’autorità sanitaria, prontamente attivata, tenendo costantemente informate le organizzazioni sindacali che hanno dimostrato ampia disponibilità e spirito di collaborazione, così come la maggior parte dei dipendenti, i quali, pur comprensibilmente preoccupati, hanno espresso senso di appartenenza e del dovere.

Al riguardo, il sindaco ha espresso apprezzamento nei confronti della RAP per la prontezza con la quale è stata affrontata la situazione ed in particolare ha ringraziato tutti gli organi esterni che hanno coadiuvato l’azienda, al fine di scongiurare e prevenire qualsiasi rischio di estensione del contagio.

Il sindaco, inoltre, ha richiesto di essere informato sull’andamento dell’attività di diagnostica, in modo da potersi raccordare anche con il Prefetto.

Il direttore della RAP, pur garantendo il massimo impegno organizzativo, ha precisato di non potere escludere rivisitazioni dell’organizzazione aziendale anche in vista della regolarità dell’attività di raccolta dei rifiuti e di possibili pregiudizi che potrebbero derivare dall’aumento delle assenze dei lavoratori anche per cause, non augurabili, obbligate.

Si è inoltre convenuto di comune accordo di implementare la dotazione dei dispositivi di sicurezza in dotazione agli operatori ecologici sia per la loro personale tutela sia per quella dei cittadini con i quali dovessero venire a contatto sia, infine, per evitare eventuali contaminazioni dei mezzi di raccolta collocati nel territorio cittadino.

“Per monitorare costantemente la situazione – ha dichiarato il sindaco, Leoluca Orlando – ho chiesto di tenere una riunione analoga quotidianamente a partire da oggi fino a quando non si avrà certezza della dimensione del rischio sanitario per i lavoratori e dell’impatto che questa situazione può avere sui servizi aziendali. Ho anche espresso i miei auguri ai lavoratori e alle loro famiglie in questo momento particolarmente difficile sotto il profilo umano e personale”.