Turiste derubate a Catania: “Non verremo mai più in questa città”

Turiste derubate a Catania: “Non verremo mai più in questa città”

CATANIA – “Mai più a Catania”: questa la frase categorica delle tre turiste toscane rimaste vittime di un furto nel capoluogo etneo poco dopo essere atterrate all’aeroporto Fontanarossa.

Sono Cinzia, Giovanna e Maria, che dopo aver messo piede sul suolo siciliano, hanno deciso di noleggiare un’auto. Ma, avendo sbagliato strada, sono arrivate in zona Zia Lisa, dove, a seguito di un finto incidente, si sono viste derubate dei loro bagagli. Il tutto con la massima tranquillità, che ha lasciato sgomente le tre povere vittime.




Le turiste, dopo la positiva esperienza dall’anno precedente nella parte occidentale, avevano deciso di visitare la parte orientale dell’Isola, ma hanno avuto una brutta sorpresa. Il sindacato Fidet Cidec, che ha diffuso la notizia, ha messo in evidenza la tragica situazione di Catania, da molti siti sconsigliata come meta turistica proprio per la sua criminalità.

A tal proposito, la polizia in questo periodo è molto impegnata ad arginare il fenomeno degli scippi, come capitato ieri sera. Gli agenti, infatti, hanno arrestato un uomo che ha cercato di derubare una visitatrice, guarda caso sempre toscana!


Inoltre, le forze dell’ordine si sono adoperate per aiutare i turisti, diffondendo una “guida” per prevenire i furti.

L’intervento delle istituzioni diventa fondamentale per l’immagine di Catania, dato che la notizia è arrivata anche oltralpe attraverso il quotidiano francese “Le Parisienne”. Un duro colpo per la città dell’elefante che fa del turismo una delle sue principali fonti economiche e che, quindi, dovrebbe vedere maggiormente valorizzato e salvaguardato il settore.

Commenti