Dall’assistenza alla vita di tutti i giorni sino ai benefici cardiovascolari: si celebra oggi la giornata internazionale del cane

Dall’assistenza alla vita di tutti i giorni sino ai benefici cardiovascolari: si celebra oggi la giornata internazionale del cane

CATANIA – La Giornata internazionale del cane si svolge come ogni anno il 26 agosto. Questa ricorrenza è l’opportunità perfetta per mostrare ai nostri migliori amici pelosi quanto li amiamo, oltre a celebrare la relazione speciale che esiste tra uomo e cane sin dall’alba dei tempi.


Questa giornata è nata per la prima volta negli Stati Uniti, per poi esser stata supportata da un gran numero di organizzazioni per i diritti dei cani, come il Fondo internazionale per il benessere degli animali (IFAW), che utilizzano questa data per chiedere un miglioramento delle condizioni di vita dei cani in tutto il mondo.


L’obiettivo di questa giornata è quello di sensibilizzare sul numero di cani che sono stati abbandonati o in attesa di una famiglia adottiva, sulle abilità e il supporto che può darci il nostro amico a 4 zampe, nonché sull’importanza di dar loro il miglior trattamento possibile.



Avere un cane, infatti, è una vero e proprio toccasana per la salute fisica e psichica dell’uomo, dal bambino sino all’anziano. Ma vediamo meglio come la sua presenza possa migliorare il nostro stato di salute.

In primis, uno studio della American Heart Association ha dimostrato come il cane possa portare benefici a livello cardiovascolare: “Le persone con animali domestici, per lo più cani, hanno frequenza cardiaca basale a riposo e pressione sanguigna leggermente più basse rispetto ai non proprietari”.


Ma non solo la stessa ricerca ci informa del fatto che i cani aiutino l’essere umano a svolgere maggiore attività fisica. “Di tutti gli animali domestici, i cani sembrano avere maggiori probabilità di influenzare positivamente il livello di attività fisica umana. Studi trasversali – si legge nella ricerca in questione – mostrano che i proprietari di cani si impegnano in più attività fisica camminando e hanno maggiori probabilità di raggiungere il livello consigliato di attività fisica rispetto ai non proprietari di cani. 18-38 A esempio, rivelati i dati di un sondaggio online su 5253 adulti giapponesi, si è visto che i proprietari di cani sono impegnati in molte più passeggiate e attività fisica rispetto ai non proprietari e hanno il 54% di probabilità in più di ottenere il livello di attività fisica giornaliera consigliato“.

Ma non solo, i nostri amici pelosi sono dei veri e propri aiuti e assistenti nella cura e alla vita di tutti giorni in persone affette da autismo o altre disabilità.

“In generale, i cani stanno ricevendo una crescente attenzione a causa del loro potenziale utilizzo in vari programmi terapeutici di attività (cani da terapia), noti anche come interventi assistiti dagli animali (AAI), volti a indirizzare un gran numero di problemi relativi alla salute in diverse popolazioni cliniche. Diversi rapporti – spiega uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità – hanno anche mostrato la capacità complessiva dei cani da assistenza (che sono di proprietà di individui con diverse disabilità) di agire come catalizzatori sociali, migliorando le interazioni sociali e aumentando le reti sociali, soprattutto per quelli con gravi disabilità, che molto spesso soffrono di discriminazione sociale“.

Infine, i cani sono un prezioso aiuto nella nostra vita quotidiana. I nostri amici a 4 zampe, infatti, secondo uno studio di Karen Walker, professoressa di psicologia dell’Università di Buffalo, negli Stati Uniti, sono preziosi durante le situazioni che arrecano maggiore stress. Con un cane al nostro fianco, le risposte allo stress da parte del nostro organismo risultano essere inferiori rispetto a quando ci si trova da soli.