Dalla cena alla tragedia: acqua fino al soffitto stermina una famiglia. Nove morti: i NOMI - Newsicilia

Dalla cena alla tragedia: acqua fino al soffitto stermina una famiglia. Nove morti: i NOMI

Dalla cena alla tragedia: acqua fino al soffitto stermina una famiglia. Nove morti: i NOMI

PALERMO – Dalla cena in famiglia alla tragedia: arrivano a distanza di ore i primi dettagli di quanto accaduto nella serata di ieri a Casteldaccia, in particolar modo all’interno di una villa sita in contrada Cavallaro.

L’esondazione del fiume Milicia – che a detta del primo cittadino non avrebbe mai causato problemi – ingrossato e straripato a causa delle forti piogge, ha sterminato un’intera famiglia.



Sono nove, infatti, le vittime di quella serata tranquilla che, all’improvviso, si è trasformata in tragedia. La villa, non distante dall’autostrada Palermo-Catania, ospitava ieri sera due famiglie: 12 i componenti di cui nove annegati perché completamenti travolti dalla furia dell’acqua che avrebbe raggiunto il soffitto dell’immobile e tre salvi.

Rachele Giordano, 1 anno; Francesco Rughò, 3 anni; Federico Giordano, 15 anni; Stefania Catanzaro, 32 anni; Antonino Giordano, 65 anni e la moglie Matilde Comito, 57 anni; il figlio di quest’ultimi, Marco Giordano di 32 anni; la sorella Monia Giordano di 40 anni e Nunzia Flamia di 65 anni: queste le generalità delle vittime.


A salvarsi sarebbe stato il marito di Stefania Catanzaro, Giuseppe Giordano che a quanto pare era uscito di casa con la figlia per andare a comprare dei dolci e che, al momento, si trova ancora sotto shock in ospedale. Non si capacita per quanto accaduto: pugni in testa, grida di dolore, disperazione.

A mettersi in salvo anche una terza persona, di cui ancora non si conoscono le generalità, che si sarebbe arrampicata su un albero e sarebbe riuscita a lanciare l’allarme.

La decima vittima, invece, è Alessandro Scavone – titolare di un distributore di carburanti – che sarebbe stato travolto, a bordo della sua auto, dal fiume San Leonardo, a Vicari. Con lui presente anche un amico che, al momento, risulta disperso.

Disperso anche un medico di 40 anni, Giuseppe Liotta, che si stava recando all’ospedale di Corleone per prendere servizio. La sua vettura pare sia stata rinvenuta in contrada Raviotta, tra Ficuzza e Corleone.

Immagine di repertorio

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.