Dai furti ai domiciliari, ma non basta: coppia di complici evade e finisce in carcere - Newsicilia

Dai furti ai domiciliari, ma non basta: coppia di complici evade e finisce in carcere

Dai furti ai domiciliari, ma non basta: coppia di complici evade e finisce in carcere

MESSINA – Nel pomeriggio di ieri, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari al Tribunale di Messina, i carabinieri della Stazione di Bordonaro hanno arrestato i messinesi M.G., 27enne e D.B.G., 42enne, entrambi noti alle forze dell’ordine. 

I due si trovavano ristretti ai domiciliari dallo scorso 18 gennaio, data in cui, insieme a un terzo complice, erano stati arrestati in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale e rapina impropria all’interno di un supermercato, dove avevano sottratto alcune bottiglie di superalcolici cercando quindi di opporsi all’arresto.


A seguito dei controlli effettuati, nelle scorse settimane i carabinieri hanno arrestato sia D.B.G. che M.G., quest’ultimo per due volte, poiché ritenuti responsabili del reato di evasione. Dopo la convalida degli arresti operati dai militari dell’Arma i due indagati erano stati nuovamente sottoposti agli arresti domiciliari. 

Le violazioni della misura cautelare degli arresti domiciliari accertate dai carabinieri hanno così portato all’emissione da parte dell’autorità giudiziaria dell’ordinanza di aggravamento che ha applicato loro la custodia in carcere e i carabinieri, ieri, hanno eseguito il provvedimento restrittivo e li hanno rinchiusi dentro il carcere di Messina Gazzi.