Coronavirus, Orlando: "Palermo non è zona rossa, né gialla. Scuole e uffici aperti" - Newsicilia -->

Coronavirus, Orlando: “Palermo non è zona rossa, né gialla. Scuole e uffici aperti”

Coronavirus, Orlando: “Palermo non è zona rossa, né gialla. Scuole e uffici aperti”

PALERMO – Al termine dell’incontro sull’emergenza Coronavirus, svoltosi alla Prefettura di Palermo, fra tutte le Istituzioni territoriali, il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando, ha dichiarato: “Allo stato Palermo non è né zona rossa, né zona gialla, né lo è la Sicilia. Non è dunque una di quelle zone in cui si impongono esigenze particolari per evitare il contagio“.

Il primo cittadino palermitano ha spiegato che “le azioni poste in essere, in piena concordia con le Istituzioni sanitarie nazionali, sono tutte volte a mandare un messaggio positivo di cura per la salute e non un messaggio di paura ingiustificata“.


Prosegue Orlando: “Questa influenza non è particolarmente pericolosa, ha soltanto una capacità di diffusione molto veloce. Per cui se è vero che sono state adottate misure molto drastiche in altre regioni di Italia, nella nostra non è stata adottata nessuna particolare misura, salvo per la città e la Città Metropolitana di Palermo dove si è pensato di mettere in ulteriori condizioni sanitarie gli uffici pubblici e le scuole. Come detto chiaramente dall’istituto Superiore di Sanità non si chiude nessun ufficio pubblico, non è previsto nessun divieto di manifestazioni pubbliche e non è prevista nessuna chiusura delle scuole“.

Sottolinea il primo cittadino: “Da oggi si sono sospese le lezioni, ma le scuole rimangono aperte, organizzate dai dirigenti scolastici competenti, per le attività non strettamente rivolte agli studenti e perché si possa procedere a una pulizia straordinaria, e a eventuale sanificazione, che verrà fatta per ogni singola istituzione con i propri mezzi e il proprio personale. Laddove alcuni istituti avessero bisogno di ricorrere a mezzi e personale non esistente, dovranno attenersi alle indicazioni che saranno date dal Dipartimento della Protezione Civile, che comunicherà quali siano gli interventi che vengono consigliati, non di pulizia straordinaria ma di sanificazione, o eventuali particolari interventi. Inoltre le somme spese dalle singole istituzioni scolastiche, che non possono essere supportate dalle stesse, verranno sottoposte a rendicontazione e rimborso da parte del Dipartimento Regionale e Nazionale della Protezione Civile, in forza all’ordinanza emanata dal Presidente della Regione Siciliana e dal Governo Nazionale.

Dichiara il sindaco:Gli uffici pubblici resteranno aperti e in questi luoghi gli interventi di pulizia straordinaria saranno effettuati sabato e domenica. L’Anci sta provvedendo alla distribuzione di un opuscolo in italiano e in inglese in cui vi è scritto cosa sia il coronavirus e il corretto comportamento da tenere per scongiurarne la diffusione”.

Conclude Orlando: “In ultimo, come amministratore denuncerò alla polizia postale chiunque si faccia protagonista della diffusione di messaggi vocali e simili che possano veicolare informazioni infondate e allarmistiche, altresì denuncerò agli organi competenti chi si farà attore di truffe ai fini di speculazioni nella vendita di prodotti per la prevenzione al contagio“.