Controlli sui litorali costieri, individuate tendopoli in diverse località: sanzioni amministrative per i trasgressori

Controlli sui litorali costieri, individuate tendopoli in diverse località: sanzioni amministrative per i trasgressori

PALERMO – La Polizia di Stato, dando continuità ai controlli effettuati durante tutta la stagione estiva e soprattutto nelle giornate a cavallo di Ferragosto, nel corso delle ultime ore, ha effettuato controlli straordinari del territorio volti al rispetto dei provvedimenti adottati in materia di contenimento e gestione dell’emergenza sanitaria.


In tale contesto la Questura di Palermo ha coordinato un servizio ad ampio raggio a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica sui litorali costieri di Barcarello (sito nella borgata marinara Sferracavallo) e Vergine Maria.


Il dispositivo di controllo coordinato dai poliziotti del commissariato di Pubblica Sicurezza “San Lorenzo” ha visto impegnate numerose pattuglie della Polizia di Stato, della Capitaneria di Porto, dell’Arma dei carabinieri e della polizia municipale, nonché del personale dell’XI Reparto Mobile, che hanno contribuito ad ottenere significativi risultati grazie all’operato sinergico delle forze coinvolte.


In particolare in via Barcarello, nei pressi del cantiere nautico, sono state individuate 3 piccole tendopoli sulla spiaggia, su due di queste non è stata rivendicata la proprietà e pertanto sono state smantellate da personale della R.A.P., i proprietari della terza tenda, individuati ed identificati, su richiesta degli agenti intervenuti, hanno provveduto a smontare l’attendamento e liberare la spiaggia.



Analoga attività è stata effettuata in località Vergine Maria, dove sono state individuate 4 tendopoli, ed una di esse, risultata in stato di abbandono è stata smantellata da operatori della R.A.P., mentre le tre famiglie occupanti le restanti tre tende, dopo essere state individuate ed identificate, hanno provveduto a smontare l’attendamento e sgomberare l’area per liberare la spiaggia.

A tutti i trasgressori identificati, saranno elevate sanzioni amministrative, a cura della Guardia Costiera di Palermo, in seguito alla violazione delle disposizioni in materia di disciplina sulla sicurezza delle attività balneari e del Codice della Navigazione. I servizi proseguiranno, senza soluzione di continuità.