Controlli nelle aziende agricole, tra lavoratori in nero e mancata preparazione del personale: sanzioni per migliaia di euro

Controlli nelle aziende agricole, tra lavoratori in nero e mancata preparazione del personale: sanzioni per migliaia di euro

CAMPOBELLO DI MAZARA – I carabinieri della stazione di Campobello di Mazara, nel Trapanese, diretti dal luogotenente Bonura Vincenzo, con il supporto del personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Trapani, a conclusione dei servizi straordinari di controllo del territorio nel settore agricoltura predisposti, su scala nazionale, dal Programma Anticaporalato 2019, hanno deferito in stato di libertà 3 soggetti per varie violazioni connesse alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e del lavoro irregolare.

In particolare, sono stati eseguiti degli accessi ispettivi in tre aziende agricole impegnate nella raccolta delle olive, ricadenti nel territorio di Campobello di Mazara e, in ognuna, sono state riscontrate diverse irregolarità, tra cui non aver adeguatamente formato e informato i lavoratori dipendenti sui rischi connessi all’attività svolta, non aver fornito agli stessi i dispositivi di protezione individuale, non averli sottoposti alle previste visite mediche di idoneità al lavoro svolto, non aver nominato il medico competente, non aver effettuato la valutazione rischi e non aver redatto il relativo documento.



Nel corso delle ispezioni è stata anche accertata la presenza di 5 lavoratori di nazionalità italiana in nero, ovvero di personale impiegato senza la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro alla competente INSP.

All’esito delle ispezioni, i militari non hanno ritenuto di dover procedere alla sospensione di alcuna attività imprenditoriale per non arrecare danno alle coltivazioni ai sensi delle ultime disposizioni di legge. Tuttavia, sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 32.400 euro e comminato ammende per importo pari a 10.811 euro.