Controlli e multe salatissime, a Catania controlli serrati: chiusi quattro locali, uno in via Plebiscito

Controlli e multe salatissime, a Catania controlli serrati: chiusi quattro locali, uno in via Plebiscito

CATANIA – Nel corso dell’ultimo fine settimana il Corpo di Polizia Municipale ha implementato i servizi di controllo delle attività commerciali nel centro storico, nella zona delle Ciminiere e della movida, al fine di verificare il rispetto delle regole imposte dall’Ordinanza Sindacale n. 90 del 10 giugno 2020 che impone, tra i vari obblighi, la cessazione delle esecuzioni musicali alle ore 24 e la chiusura dell’attività alle ore 02, nonché l’uso dei dispositivi di protezione individuale e il rispetto delle altre norme dettate per il contrasto alla diffusione del virus COVID-19.


Durante i numerosi sopralluoghi, le pattuglie della Polizia Commerciale hanno accertato che, tra sabato e domenica notte, 4 esercizi commerciali hanno violato le disposizioni dell’ordinanza sindacale.


In particolare, sabato notte sono stati sanzionati con una multa di 400 euro e la chiusura immediata per 5 giorni tre esercizi commerciali siti in via Coppola, via Plebiscito e piazza Carlo Alberto per violazione dell’orario di chiusura, diffusione di musica oltre l’orario consentito e mancato uso della mascherina protettiva.



Domenica notte è stato sanzionato e chiuso un locale in via Zolfatai, zona Ciminiere, per diffusione di musica oltre l’orario consentito e mancato uso della mascherina protettiva.

Nel corso dei servizi di controllo del territorio, sono stati anche sanzionati un gommista in via Ancipa e un panificio in viale Moncada che operavano entrambi senza alcun tipo di autorizzazione amministrativa e sanitaria; un’ attività di autoriparazioni in via Carmelitani, è stata chiusa perché priva di qualunque autorizzazione commerciale con sequestro di tutte le attrezzature; due rivenditori ambulanti di ortofrutta in via Giacomo Leopardi e in piazza dei Martiri perché privi di autorizzazione commerciale e mascherina protettiva.


Complessivamente le sanzioni amministrative irrogate dalla Polizia Municipale ammontano a circa 30mila euro.