Catania, rapina in farmacia di piazza Risorgimento. Colpi di pistola in aria e fuga: arrestato

Catania, rapina in farmacia di piazza Risorgimento. Colpi di pistola in aria e fuga: arrestato

CATANIA – La Polizia di Stato ha arrestato il pregiudicato catanese Antonio Faro (34 anni) in quanto ritenuto responsabile dei reati di rapina aggravata e tentato omicidio.


Antonio Faro, 34 anni

L’operazione di polizia giudiziaria si inquadra nell’incremento dei servizi presidiari e antirapina predisposti dal Questore di Catania al fine di prevenire e reprimere ogni forma di illegalità diffusa e a carattere predatorio all’interno del centro cittadino, servizi incrementati per stroncare sul nascere il rischio di una spirale di reati predatori che questo delinquente seriale aveva iniziato non solo con la rapina in questione, ma anche attraverso altri tentativi nei giorni passati. La serie di reati commessi da questo pregiudicato ha richiamato la necessità di rispondere immediatamente in fase preventiva e repressiva ed è per questo motivo che sono stati predisposti specifici servizi in tal senso.


Nello specifico, nella mattinata di ieri, è stata diramata una nota radio concernente una rapina ai danni di una farmacia sita in piazza Risorgimento ove erano stati esplosi dei colpi d’arma da fuoco. Nell’occasione l’autore, con il volto coperto, ha fatto ingresso nell’esercizio commerciale e dopo aver minacciato il dipendente sparando due colpi verso il soffitto, si è impossessato dei contanti contenuti all’interno dei registratori di cassa.


L’uomo è fuggito a bordo di un’auto. In proposito, la Polizia di Stato, visti i precedenti episodi di rapina aventi un analogo modus operandi, aveva già in corso un attento monitoraggio del fenomeno con individuazione di quegli esercizi commerciali, in particolar modo farmacie, oggetto di attenzione predatoria.



Infatti, nell’occasione una pattuglia dei Falchi e dell’Anti Rapina della Squadra Mobile si è trovata nelle immediate vicinanze del luogo della rapina e la pattuglia motomontata dei Falchi ha incrociato il veicolo in fuga.

L’uomo, con ancora la pistola impugnata, mentre era alla guida, ha provato a investire la pattuglia. Uno dei poliziotti intervenuti è caduto a terra e ha riportato lesioni giudicate guaribili con 21 giorni di prognosi.
L’altro operatore, che ha pure riportato lesioni al dito della mano sinistra, nel cadere a terra, nonostante ferito disarcionato dalla moto, è riuscito a risalire sul mezzo e si è messo all’inseguimento del rapinatore, riuscendo a bloccarlo in piazza Palestro, ove è stato raggiunto dagli altri equipaggi, che hanno provveduto a mettere in sicurezza Faro, che ha continuato a opporre una violenta e strenua resistenza.

All’interno dell’auto guidata dal soggetto è stata trovata la refurtiva (circa 600 euro in contanti) successivamente restituita al titolare dell’esercizio commerciale. È stata sequestrata anche l’arma impugnata dall’arrestato e utilizzata per compiere il reato. Pistola risultata successivamente essere caricata con proiettili a salve e fedele riproduzione di un arma vera.

Le conseguenti perquisizioni nel domicilio in uso all’arrestato hanno permesso di sequestrare alcuni indumenti utilizzati per compiere altre rapine, perpetrate nelle ultime due settimane e dall’identico modus operandi, ai danni di un distributore di carburanti, di una farmacia e di un supermercato. Sono al vaglio ulteriori episodi similari commessi in provincia.

L’uomo era infatti diventato un’ossessione per i commercianti della città, in quanto ha terrorizzato dipendenti e clienti, puntandogli l’arma ed esplodendo in ogni occasione dei colpi di pistola. L’arrestato, tra l’altro scarcerato solo a luglio dopo avere scontato una pena proprio per rapina aggravata, è stato quindi trasportato in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Ai poliziotti intervenuti è immediatamente giunto il plauso del questore Mario Della Cioppa, che si è anche sincerato delle condizioni fisiche degli agenti rimasti feriti nell’intervento, al quale si sono aggiunti i positivi apprezzamenti del vice capo della polizia e vice direttore generale di pubblica sicurezza con funzioni vicarie, prefetto Antonio De Iesu.

Il Questore della Cioppa : “stiamo rispondendo colpo su colpo a ogni tentativo della criminalità di agire impunemente, non lo permetteremo e di questo voglio ringraziare tutti i poliziotti e poliziotte che ho l’onore di rappresentare in questa provincia che si sacrificano anche mettendo a repentaglio la propria incolumità, come hanno fatto i due falchi della Mobile ieri. Io li considero eroi dei giorni nostri e a loro il più sentito ringraziamento per quello che fanno ogni giorno. Noi non ci fermeremo per dare al cittadino le migliori condizioni di sicurezza in cui vivere”.