Catania, pugni a una donna in piazza Università: le rubano il cellulare e poi scappano

Catania, pugni a una donna in piazza Università: le rubano il cellulare e poi scappano

Catania, pugni a una donna in piazza Università: le rubano il cellulare e poi scappano

CATANIA – L’attento controllo del territorio, con una particolare attenzione ai fenomeni dei reati predatori consumati a danno dei passanti nelle vie del centro storico di Catania, ha permesso ai poliziotti di arrestare Maria Giovanna Giuffrida, 30enne, e Pietro Pulvirenti, 22enne, entrambi pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, poiché responsabili del reato di rapina impropria in concorso.


I due malviventi, si sono avvicinati a una donna che si trovava a piedi in piazza Università e, sorprendendola alle spalle, le hanno sferrato un pugno per farle cadere il telefonino, l’hanno strattonata, si sono impossessati dell’apparecchio e poi sono fuggiti via appiedati.


Grazie alle dettagliate descrizioni dei rapinatori fornite dalla vittima e grazie all’approfondita conoscenza del territorio e delle dinamiche criminali, gli operatori delle Volanti hanno rintracciato i due responsabili all’interno delle viuzze del quartiere di San Berillo Vecchio, mentre erano ancora in possesso della refurtiva.

I due sono stati arrestati e accompagnati in Questura, dove sono stati riconosciuti senza ombra di dubbio dalla vittima che ha formalizzato la denuncia e riavuto il suo cellulare. Di quanto accaduto è stato notiziato il pubblico ministero di turno che ha disposto per i due la misura degli arresti domiciliari nelle loro abitazioni.

Immagine di repertorio