Catania, progetto per la riqualificazione per piazza Roma. Ferrara: "Manca il senso civico dei cittadini" - Newsicilia

Catania, progetto per la riqualificazione per piazza Roma. Ferrara: “Manca il senso civico dei cittadini”

Catania, progetto per la riqualificazione per piazza Roma. Ferrara: “Manca il senso civico dei cittadini”

CATANIA –Valorizzare l’area e metterla al centro di tante iniziative aggregative con le associazioni del territorio“. Questi sono gli obiettivi che il presidente della III municipalità, Paolo Ferrara, si è posto per riqualificare la centralissima piazza Roma a Catania.

Con la collaborazione degli enti no profit, delle scuole e dei comitati cittadini si potrebbe creare un punto di riferimento per l’intera città – dichiara il presidente Ferrara – una unità di intenti per un percorso di sviluppo e valorizzazione in cui coinvolgere la vicina Villa Bellini e via Etna. Proposte e idee che potrebbero diventare operative a costi contenuti o addirittura nulli. Per piazza Roma questo sarebbe già un grande passo in avanti visto che questo luogo troppe volte è stato vandalizzato o danneggiato dagli incivili”.



“Sopratutto la mattina – continua – piazza Roma diventa un parcheggio e nelle ore di punta si trasforma in una scorciatoia per i centauri che vogliono evitare il traffico. Questo inevitabilmente ha rovinato la pavimentazione, costituita in gran parte da ciottoli colorati che formano particolari rappresentazioni grafiche, provocando pericolose buche”.

“Questo luogo – conclude – era uno dei più eleganti ritrovi della nostra città. L’amministrazione comunale sta compiendo grossi sforzi per garantirne la manutenzione degli alberi e delle aiuole. Quello che manca in molti casi è il senso civico dei cittadini. A questo proposito sto attentamente valutando la proposta di alcune associazioni che chiedono di proteggere questo luogo con paletti e rialzando il livello dei marciapiedi, soprattutto lungo il viale Regina Margherita, per impedire l’invasione di moto e scooter. In questo modo gli unici a potervi accedere sarebbero i pedoni oppure gli appassionati della bicicletta”.