Catania, la prima campanella nelle scuole è pronta a suonare. Buceti (IV Municipio): “Serve un piano per il traffico”

Catania, la prima campanella nelle scuole è pronta a suonare. Buceti (IV Municipio): “Serve un piano per il traffico”

CATANIA – Una mappatura del territorio per segnalare all’amministrazione comunale e alle forze dell’ordine le strade e gli incroci a rischio traffico, nel territorio di “Cibali-San Giovanni Galermo-Trappeto Nord”, già dalla prossima settimana, quando in molte scuole etnee, suonerà la prima campanella.


Dalla metà alla fine di settembre pian piano ripartirà il nuovo anno scolastico in tutti gli istituti di Catania – afferma il presidente del IV municipio di Catania Erio Buceti questo vorrà dire un enorme flusso veicolare con migliaia di auto provenienti anche da paesi vicini.


Non possiamo farci trovare impreparati e per questo è determinante attivare un efficace sistema di controlli e pattugliamenti delle forze dell’ordine nei principali snodi viari della nostra circoscrizione. A questo proposito, lo scorso 3 settembre, ho indetto un consiglio di municipio in cui hanno partecipato i dirigenti scolastici Perni, Adonia e Marino. Nonché il Comandante della polizia municipale Sorbino, l’Assessore Mirabella, il Geometra Freni per l’UTU, l’Architetto Leonardi per la manutenzione ed il Direttore della Pubblica Istruzione Italia. Assente il dirigente scolastico Maccarrone”.



Monitorate via Sebastiano Catania, via Sabato Martelli Castaldi, via Don Minzoni, viale Benedetto Croce, via Ota, via Galermo, viale Tirreno, Sabato Martelli Castaldi, il viale Fratelli Vivaldi e viale Bolano.


Un primo passo a cui fa seguito la richiesta di un potenziamento della segnaletica, la lotta al parcheggio selvaggio e ad ogni altro tipo di comportamento incosciente da parte di coloro che si mettono alla guida.

Interventi mirati per evitare di intasare le strettissime strade di San Giovanni Galermo, San Nullo e Cibali causando la paralisi della mobilità cittadina. Soluzioni a cui si deve aggiungere però, nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid e del distanziamento sociale, l’incentivazione all’uso dell’autobus e della linea metropolitana.