Catania, la Pescheria si riempie di “Sardine”: dopo Bologna e Palermo la protesta pacifica arriva ai piedi dell’Etna

Catania, la Pescheria si riempie di “Sardine”: dopo Bologna e Palermo la protesta pacifica arriva ai piedi dell’Etna

CATANIA – “Una manifestazione pacifica, apartitica, senza bandiere (unica ammessa quella della pace), linguaggi d’odio, slogan offensivi e insulti. Solo tante sardine, arte, bellezza, creatività e allegria per tutti coloro che condividono gli ideali su cui si fonda il movimento. Prendi parte al più grande flash mob ittico della storia“, con queste parole la pagina “Sardine di Catania” presenta la manifestazione di oggi, 7 dicembre, sul gruppo Facebook “Sardine Catanesi” che conta ormai circa 6mila iscritti.

Sulla stessa lunghezza d’onda delle manifestazioni di tutta Italia, anche Catania si riempirà di “Sardine”, persone che si trovano a condividere gli stessi ideali di nonviolenza e accoglienza che contraddistinguono il movimento, che si definisce apartitico, e per farlo si incontreranno tutte sotto l’Acqua ‘o linzolu, alla Pescheria.


Antirazzismo, antifascismo, accoglienza, solidarietà, rispetto, diritti umani, creatività e bellezza, contro ogni forma di odio e violenza, sono i principi che in Italia, e anche a Catania, le #6000sardine porteranno in piazza per contaminare la città” – questi sono i valori che i partecipanti adottano e che si impegnano a portare in piazza, e sul web, con “creatività e bellezza” tanto che la pagina ha anche lanciato la challenge #iosonounasardina, chiunque si identifica in questi valori può personalizzare la propria sardina e scattare una foto da pubblicare poi su Facebook o Instagram citando gli hashtag e taggando la pagina.

Così il movimento nato spontaneamente a Bologna per contestare un comizio dell’ex ministro Matteo Salvini, dopo essersi riunito a Palermo il 22 novembre e a Siracusa ieri, terrà questo pomeriggio la sua manifestazione anche a Catania a partire dalle 18 e occuperà la zona della Pescheria e piazza Duomo. A organizzare l’evento sono Irene Di Stefano, psicologa, e Francesco Nicosia, fotografo.


Dopo il raduno di Catania sarà la volta di Caltanissetta il 10 dicembre e Messina, dove il movimento ha organizzato un flash-mob in piazza Unione Europea (piazza Municipio) per il 21 dicembre.

Fonte immagine: pagina Facebook “Sardine di Catania”