Catania, fermata Cibali e nuove tratte: ecco i prossimi sviluppi di metropolitana e treno in superficie - Newsicilia

Catania, fermata Cibali e nuove tratte: ecco i prossimi sviluppi di metropolitana e treno in superficie

Catania, fermata Cibali e nuove tratte: ecco i prossimi sviluppi di metropolitana e treno in superficie

CATANIA – Per la metropolitana di Catania e per la Ferrovia Circumetnea, la società che la gestisce, è tempo di bilanci e di nuovi progetti. Negli ultimi due anni il numero di passeggeri è notevolmente aumentato, ma nell’immediato sono previste novità.

All’interno del tracciato già in esercizio infatti risulta ancora inattiva la stazione di Cibali e delle ipotesi riguardanti i tempi della sua apertura ne abbiamo già parlato tempo fa. Per la consegna delle tratte Nesima-Monte Po’ e Stesicoro-Palestro le tempistiche si stanno definendo. Per la realizzazione di queste opere hanno influito le vicende delle ditte appaltatrici e adesso facciamo il punto della situazione relativo ai prossimi sviluppi della metropolitana.



Il direttore generale della Ferrovia Circumetnea, Salvatore Fiore, riguardo alla stazione Cibali, spiega come il ritardo nella sua apertura sia stato dovuto esclusivamente ai problemi della Tecnis e come si stia facendo in modo di aprirla il prima possibile. Oltre a ciò dà un’idea dei tempi che ci saranno per la consegna delle prossime tratte e come si stia lavorando per le opere civili in alcune fermate.

“La messa in esercizio della stazione Cibali – afferma Fiore – è stata ritardata a causa dei problemi che ha avuto l’impresa esecutrice. Senza liquidità finanziaria l’amministrazione della Tecnis non ha potuto anticipare i lavori, ma non c’è stato alcun intoppo di natura tecnica. Speriamo che entro l’autunno potremo mettere in esercizio la fermata. Manca l’attrezzaggio dei tunnel che collegano il piano banchina del treno al mezzanino. Di questo quattro uno deve essere munito delle opere civili, mentre negli altri tre mancano solo le tecnologie. Riguardo alle stazioni vecchie stiamo andando avanti con la procedura di affidamento dei lavori per la sostituzione degli ascensori, mentre a Borgo e Italia entro agosto avremo le nuove scale mobili. Per la tratta Nesima-Monte Po’ i lavori sono ripresi da poco e speriamo di poterla aprire entro il primo trimestre del 2020. Invece per la Stesicoro-Palestro la galleria si sta scavando e si è arrivati a 278 metri a nord di via Palermo, dove è partita. La gara che pubblicheremo entro la fine dell’estate comprende lo scavo del tunnel fino all’aeroporto e il montaggio delle tecnologie in tutta la tratta”.


Per i prolungamenti della linea fino a Misterbianco e all’aeroporto il progetto è fatto, mentre per la tratta Misterbianco-Paternò è in fase d’approvazione e il percorso sarà alternato tra galleria e superficie. Novità sono previste anche per la tratta in superficie, mentre per il prolungamento degli orari di esercizio nella notte e la domenica le valutazioni verranno fatte il prossimo autunno.

“Per la tratta fino a Misterbianco – conclude Fiore – ipotizziamo la firma del contratto con la società affidataria entro fine estate e di aprire i cantieri all’inizio del 2020. Per la Palestro-Aeroporto il bando di gara dovrebbe partire entro l’autunno, mentre per la Misterbianco-Paternò la prima parte fino a Piano Tavola è già finanziata con fondi dello Stato. Fino a lì sarà in galleria, poi sarà in superficie, con qualche piccola galleria artificiale, e di nuovo underground fino al deposito di Paternò. La Galatea-Porto è in esercizio per l’entrata o uscita delle vetture da e per l’officina, ma non c’è servizio commerciale per la mancanza di domanda al porto. Quando la metropolitana sarà completa la tratta in superficie fino a Paternò sarà dismessa. Abbiamo sei milioni di passeggeri l’anno, ma per il prolungamento dell’orario di esercizio la notte e la domenica attendiamo settembre. Per il percorso in superficie cercheremo di eliminare le interferenze con sovrappassi o sottopassi e di ammodernare il parco vetture. Quelle vecchie le potremmo utilizzare per fini turistici”.

Riguardo ai numeri dei passeggeri delle ultime due aperture straordinarie, il direttore all’esercizio della società, Sebastiano Gentile, afferma: Per la partita del Catania e domenica 2 abbiamo avuto una discreta affluenza e l’esperimento ha suscitato un certo interesse. Domenica prossima per l’Etna Comics il servizio sarà nuovamente attivo”.