Catania, Cobas Asacom Scuola "portavoce" degli studenti diversamente abili: "Raggiunto traguardo importantissimo" - Newsicilia

Catania, Cobas Asacom Scuola “portavoce” degli studenti diversamente abili: “Raggiunto traguardo importantissimo”

Catania, Cobas Asacom Scuola “portavoce” degli studenti diversamente abili: “Raggiunto traguardo importantissimo”

CATANIA – Lo scorso 30 luglio, la Città Metropolitana di Catania ha finalmente pubblicato l’avviso per l’istituzione di un elenco di operatori accreditati per l’erogazione del servizio di Assistenza all’Autonomia e alla Comunicazione in favore di studenti con disabilità grave frequentanti le Scuole secondarie di secondo grado e l’Università.

Da anni, la Città Metropolitana di Catania promuove numerosi interventi sociali per favorire l’inclusività scolastica degli alunni diversamente abili. In particolare, grazie a questo avviso pubblico, “l’Amministrazione intende utilizzare il sistema dell’istituzione di un elenco di operatori, in possesso di qualifiche professionali idonee, nell’ambito del quale le famiglie potranno individuare liberamente l’operatore cui richiedere la prestazione di assistenza. Tale metodologia è volta a garantire un ruolo attivo all’utente nella definizione e nella gestione del proprio progetto assistenziale, promuovendo altresì una qualificata concorrenza tra i possibili erogatori a parità di condizioni”.



Ottime notizie per le famiglie con studenti in condizione di disabilità grave, sempre più numerosi nel territorio etneo, che potranno scegliere liberamente, sin dall’inizio dell’anno scolastico, non solo il servizio di assistenza all’autonomia e alla comunicazione, ma soprattutto l’operatore specializzato con il quale intraprendere il percorso formativo.

La pubblicazione di questo avviso rappresenta per noi un traguardo importantissimo – spiega la pedagogista Rosa Elisabetta Sapuppo, coordinatrice Cobas Asacom Scuola, che lavora nel settore educativo da più di 20 anni. “Abbiamo sempre sostenuto e sperimentato la validità del metodo della libera scelta dell’operatore specializzato da parte degli utenti, economicamente conveniente anche per la Pubblica Amministrazione”.


A partire dal prossimo anno scolastico, non solo l‘attività post scolastica di assistenza didattica integrativa, da anni espletata direttamente dall’operatore specializzato, ma anche il servizio di assistenza all’autonomia e alla comunicazione potranno essere svolti dallo stesso operatore. I vantaggi della continuità didattica sono evidenti per tutti: innanzitutto, per gli studenti che avranno l’opportunità di essere seguiti in maniera costante dallo stesso operatore specializzato, sia a scuola, sia presso il proprio domicilio; per gli operatori, che potranno così conoscere, in maniera più diretta, le dinamiche familiari e relazionali che costituiscono la quotidianità dell’assistito, costruendo un rapporto significativo con il ragazzo, che va al di là dello studio e ne migliora l’apprendimento.

E’ chiaro che ci sono aspetti da approfondire ulteriormente nell’ottica di un servizio che deve mettere al centro interessi e aspettative di utenti e famiglie” prosegue la Sapuppo . ” Non si
comprende, però, il senso delle polemiche innescate da alcuni sindacati e da altre forze sociali, che sembrerebbero mosse soprattutto da una lettura superficiale del bando e poco attente alle reali esigenze degli studenti con disabilità grave. Noi preferiamo andare avanti, con l’obiettivo di sviluppare un servizio sempre più capace di praticare, concretamente, reali processi di inclusione”.

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.